Inietta candeggina alla figlia di 18 mesi, madre confessa: “Non l’amavo”

Una donna inietta candeggina nelle vene della sua figlioletta di appena un anno e mezzo. Tremenda la sua insensibile confessione alla polizia.

inietta candeggina figlia
Mamma inietta candeggina alla figlioletta per ucciderla Foto dal web

Una mamma maltratta la figlia di appena 18 mesi e le inietta la candeggina nelle vene, confessando di non provare alcun rimorso per questo. “Non l’amavo per niente”. Questo una 28enne turca, Azgi Korucu, ha candidamente affermato alla polizia che l’ha arrestata. La donna è stata fermata in ospedale ad Istanbul. I medici intervenuti per cercare di salvare la vita alla piccina hanno trovato della candeggina all’interno del suo fragile organismo.

Leggi anche –> Neonato morto in casa: sotto accusa la mamma e il fidanzato di lei

E sul corpo di della bimba erano presenti anche segni di tortura e di maltrattamenti. Alla luce di queste prove schiaccianti contro di lei, la crudele mamma ha confessato quanto di orribile fatto. Proprio i dottori in ospedale l’hanno denunciata, avvertendo anche la polizia. Dopo l’arresto e nel corso di più di un interrogatorio, la giovane madre ha infine ceduto e ha descritto tutto quanto compiuto. Lei ha ammesso di avere torturato la bambina e di averlo fatto senza provare alcun senso di pietà. Accusava la bimba di averle rovinato la vita e questo pensiero distorto andava avanti da tempo. Già ad appena un mese di vita la neonata aveva subito dei maltrattamenti molto gravi, con dei tagli che avevano rischiato di ucciderla.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Uccide il figlio, scaglia neonato di 11 mesi da un ponte e va al bar

Inietta candeggina, madre cerca di uccidere la sua figlioletta così

In quella circostanza la 28enne utilizzò un rasoio per infliggere delle ferite alla piccina su varie parti del corpo. L’avvocato difensore della donna ha provato a giocare la carta dell’instabilità mentale. Lei stessa avrebbe subito delle violenze da parte di suo marito. Il legale sostiene che, con questa mossa, la sua assistita abbia cercato in maniera inconscia di spezzare questa spirale di violenza contro di lei. Ma in tribunale tale condotta potrebbe costarle caro, nonostante le attenuanti per una presunta incapacità di intendere e di volere. La bimba maltrattata per fortuna è riuscita a sopravvivere. Presto verrà affidata ad una famiglia in grado di amarla veramente. Mentre il processo contro la madre va avanti.

Leggi anche –> Padre violenta figlie, loro lo uccidono: i conservatori vogliono le loro teste