Coronavirus 17 novembre: oltre 700 morti in 24 ore in Italia

Emergenza Coronavirus oggi 17 novembre: oltre 700 morti in 24 ore in Italia, dato più alto dal 2 aprile scorso.

(TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

32.191 nuovi casi e 731 morti a causa del Coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia: se il numero di nuovi contagi giornalieri sembra stabilizzato, sebbene siano diminuti i tamponi, ben più grave è quello dei decessi. Infatti, si tratta del dato più alto registrato dal 2 aprile scorso, quando furono 760 le persone decedute.

Leggi anche: Coronavirus, Lopalco avverte: “Non andrà mai più via”

Sale in maniera pesante in diverse zone il numero dei decessi: in Emilia Romagna sono 48 contro i 23 registrati ieri, ben 100 in Veneto, dove ieri erano 22, poi 52 in Toscana nelle ultime 24 ore. Controcorrente il dato della Basilicata, dove nelle ultime 24 ore stando al dato comunicato dalla Regione non ci sarebbero stati decessi.

Leggi anche: Marito e moglie positivi muoiono in 4 giorni | contagiata la figlia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I dati del contagio da Coronavirus in Italia oggi 17 novembre

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Rispetto a ieri, in Lombardia sono 8.448 i nuovi contagi, più che raddoppiati, con 202 morti mentre ieri il dato dei decessi era di 99. Sfiorati i 900 ricoveri in terapia intensiva, con un incremento importante, ma va detto che sono stati anche oltre 20mila i tamponi effettuati in più nelle ultime 24 ore. I dati migliori in queste ore sembrano arrivare da Piemonte ed Emilia Romagna, dove a fronte di un aumento anche netto dei tamponi effettuati, non si ha un aumento dei casi, bensì una significativa diminuzione.

A parità di tamponi, si registrano meno contagi in Toscana, mentre è significativa la discesa in Campania, sebbene i tamponi effettuati siano molti meno rispetto a ieri. In molte zone del nostro Paese, la situazione sembra comunque più stabile rispetto agli altri giorni, ma questo non è un invito ad abbassare la guardia. Diversi dati, infatti, vanno letti nell’ambito di una settimana, per avere dettagli più precisi.