Investita mentre fa jogging | la 19enne Irene Boruzzi uccisa da ubriaco

Un uomo con un elevatissimo tasso alcolemico nel sangue travolge la povera Irene Boruzzi: la ragazza investita mentre fa jogging.

Irene Boruzzi investita mentre fa jogging
Irene Boruzzi investita mentre fa jogging Foto dal web

È morta investita mentre fa jogging, la povera Irene Boruzzi. La sfortunata ragazza risiedeva a Castenaso, in provincia di Bologna. Mentre stava praticando dell’attività fisica per mantenersi in forma, un’auto è passata a grande velocità travolgendola. Il fatto è successo in pieno centro abitato intorno alle ore 19:15.

Leggi anche –> Contadino investe ragazza che faceva jogging, la stupra e seppellisce il corpo

Drammatica la dinamica di quanto successo: la ragazza investita mentre fa jogging ha mandato in frantumi il parabrezza dell’auto che l’ha colpita. Poi è finita a diversi metri di distanza; oltre 20, sembra. Al volante del veicolo, una Opel Astra, c’era un uomo di 45 anni residente a Bologna. Subito chi ha assistito al dramma ha avvisato il personale medico del 118. E l’ambulanza è arrivata nel giro di pochi minuti, raggiungendo Castenaso in via Frullo. Per molti minuti i paramedici hanno sottoposto la sfortunata Irene Boruzzi alle manovre mediche di primo soccorso. Purtroppo però la 19enne non ha più ripreso conoscenza.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Leggi anche –> Investiti da un’auto: morto studente di 10 anni, gravissimo l’amico

Investita mentre fa jogging, Irene Boruzzi non ce l’ha fatta

Le lesioni riscontrate nell’impatto sono risultate di una gravità troppo elevata per potere essere tamponate. Riguardo all’uomo che l’ha investita, si sa che il suo nome è Davide Melillo e che si era messo al volante con all’interno del proprio sangue una quantità molto elevata di alcolici nel sangue. All’alcol test, il valore riscontrato è risultato essere di 2,18 grammi per litro. Ben al di sopra del limite massimo stabilito per legge di 0,5 g/l. Assieme ai soccorritori medici hanno fatto il loro arrivo sulla scena dell’incidente anche i carabinieri di stanza nelle caserme delle località bolognesi di Castenaso, Granarolo e San Lazzaro.

Leggi anche –> Firenze tragedia nel parcheggio: auto investe e uccide bimbo di 2 anni

L’uomo aveva gravi precedenti

I militari hanno arrestato Melillo con l’accusa di omicidio stradale. Al momento l’uomo è sottoposto a custodia cautelare ai domiciliari in attesa della convalida del gip. Possibile che venga trasferito in carcere, anche in virtù di altri precedenti a suo carico in merito a resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza. Ci si chiede come sia possibile che un individuo che rappresentava un chiaro pericolo per la sicurezza degli altri si trovasse nelle condizioni di potersi mettere da solo alla guida. Irene era una liceale e stava tornando a casa dopo la sua consueta corsetta. L’auto del pirata della strada l’ha scaraventata in aria proprio sulle strisce pedonali. Il suo corpo è stato poi trascinato per oltre 200 metri dal veicolo.

Leggi anche –> Carabiniere ucciso | drogato alla guida lo investe mentre fa jogging