Covid-19, quanto è stata letale la pandemia che ha colpito il mondo?

Dall’inizio della pandemia in molti si sono chiesti quanto sia letale il Covid-19. Scopriamolo grazie a uno studio. 

Gli esperti hanno messo a punto uno studio per analizzare e fare una stima precisa dell’impatto che il virus da Covid-19 ha avuto sulla popolazione. Da questi dati è stato possibile fare una stima della letalità della pandemia durante la prima ondata. Prima però chiariamo che cosa si intende per tasso di letalità.

Leggi anche -> Covid, seconda ondata: curva, picco, durata e tutto ciò che c’è da sapere

Esso è il rapporto tra i morti per la malattia e il numero dei soggetti affetti. Questo valore viene poi messo in percentuale. Il primo a dare delle stime più precise su cui basarsi è l’Imperial College di Londra che sostiene l’esistenza di una variazione del tasso in base alla composizione per età della popolazione.

Covid-19, vediamo delle stime più precise

In base allo studio dell’Imperial College di Londra c’è quindi una distinzione tra Paesi ricchi e a reddito più basso. Questi ultimi hanno in media un tasso di letalità dello 0,23%, mentre quelli i primi ne avrebbero uno più alto con ben l’1,15%. Sempre riguardo ai Paesi più ricchi, gli esperti dell‘Imperial College hanno dichiarato che “la letalità risulta parecchio superiore a quella dell’influenza stagionale, che si attesta allo 0.1%“. Per ottenere questi risultati si sono utilizzati dei dati ufficiali dei decessi per Covid e quelli delle indagini sierologiche fatte in 10 Paesi, Italia compresa. Le percentuali sono tutte riferite alla prima ondata del Covid-19 e ci danno un quadro più preciso della diffusione del virus.

se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI.

Focolaio Covid Rsa Alberobello
Esplode un focolaio Covid in unaRsa di Alberobello in Puglia

I risultati si trovano in linea con quelli svolti in precedenza da altri esperti perché riportano un maggior rischio per gli anziani. Ecco alcune percentuali della letalità: tra i 75 – 79 anni è del 3,39%, tra gli 80 – 84 anni è del 5,3% e tra gli 85 – 89 anni arriva fino all’8,28%. Purtroppo però, il rischio non è limitato agli anziani. “Anche le età di mezzo sono a rischio. Abbiamo per esempio stimato che fra i 50 – 55enni il Covid uccide una persona su 250″, ha dichiarato Lucy Okell (una delle autrici). Se si guarda ai singoli Paesi, lo sfortunato record va all’Italia con il 2,23% di letalità. Lasci perplessi il fatto che non ci siano differenze rispetto a questo tasso nelle diverse aree colpite.

Leggi anche -> Lockdown a Milano, il sindaco Sala: “Misure severe, ma le rispetteremo”

Gestione cookie