Carlo Verdone sotto accusa per i consigli medici in diretta tv

Le polemiche sul Coronavirus coinvolgono anche Carlo Verdone. Un medico napoletano lo attacca perché “non può dispensare consigli sui farmaci in tv”.  

Carlo Verdone

“Io non sono un esperto Covid, ma sono un medico e quello che dico è che bisogna rivolgersi ai propri medici di famiglia che, conoscendo le patologie dei loro assistiti, sapranno indicare la strada”. Così scrive in una nota Francesco D’Andrea, presidente della Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica. “Ma – aggiunge – c’è molta confusione in giro di persone inesperte che parlano e dispensano consigli. Addirittura ieri sera durante un noto programma di Rai 1 in diretta il regista e attore Carlo Verdone ha dato i nomi dei farmaci che, secondo lui, bisogna adoperare per curare il Coronavirus. Io credo che siamo arrivati all’assurdo. Perché si colpiscono le persone deboli che semmai quei farmaci li acquistano, pensando che siano la soluzione di tutto e per tutti”. Un commento che non avrà fatto sicuramente piacere al noto attore e regista romano.

Leggi anche –> Coronavirus, vertice CTS governo maggioranza in diretta

Leggi anche –> Carlo Verdone, la verità sull’operazione alle anche 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Carlo Verdone al centro di una nuova polemica

Il dottor Francesco D’Andrea richiama ognuno alle sue responsabilità: “Mi auguro che il governatore Vincenzo De Luca riesca a trovare il tempo per ascoltarmi. Nel frattempo io continuo il mio umile lavoro al servizio dei pazienti. Un appello infine ai cittadini: vi prego di non trascurare nulla e per quelli affetti da altre patologie di ritornare in ospedale, perché noi garantiamo la massima sicurezza per poter proseguire le vostre terapie, soprattutto quelle oncologiche”.

“In questo momento in cui c’è bisogno dell’aiuto di tutti – prosegue il medico – sono pronto con il mio staff, i miei collaboratori e con le persone che formiamo a dare la massima disponibilità alla mia regione e al mio Paese”. D’Andrea ricorda infine che “il compito di un buon medico è quello di darsi sempre per gli altri e comunque di non conoscere ostacoli. Dopo la mia esperienza con il Covid ho avuto decine di richieste – attraverso i social – da parte di cittadini che mi chiedono continuamente quali cure e medicinali prendere, cosa si deve fare, come ci si deve comportare eccetera”. Carlo Verdone se ne farà una ragione?

Leggi anche –> Coronavirus, quasi 300 morti e record di tamponi in 24 ore

Leggi anche –> Coronavirus, terapia intensiva “a chi ne avrà duraturo beneficio” 

EDS