Germania: quarantena o tampone per chi arriva da 13 regioni italiane

Germania: obbligo di quarantena o tampone per chi arriva da 13 regioni italiane e dalla provincia di Bolzano. Le nuove misure anti-Covid.

germania
Aeroporto di Berlino Brandeburg (STEFANIE LOOS/AFP via Getty Images)

Aumentano le restrizioni ai viaggi all’estero a causa del crescere dei contagi da coronavirus. Sempre più Paesi introducono divieti o obblighi di tampone e quarantena da chi proviene da zone dove i contagi sono elevati e considerate a rischio.

Così, tra nuovi lockdown, coprifuoco e quarantene i viaggi si fermano di nuovo. Una condizione inevitabile per contenere il diffondersi dell’epidemia, purtroppo con un grave danno all’economia del turismo e dei trasporti, con il settore areo che ha subito perdite pesantissime.

Tra i Paesi che hanno introdotto nuove restrizioni ai viaggi c’è la Germania con provvedimenti che ci riguardano direttamente. A seguito della recente recrudescenza dell’epidemia in Italia, il Paese di Angela Merkel ha introdotto l‘obbligo di quarantena o di tampone per chi arriva in Germania da 13 regioni italiane e dalla provincia di Bolzano. Ecco cosa bisogna sapere.

Leggi anche –> Emergenza Coronavirus: in Irlanda torna il lockdown

Germania: quarantena o tampone per chi arriva da 13 regioni italiane

La Germania introduce nuove restrizioni ai viaggiatori in arrivo dall’Italia. A causa del rapido aumento dei casi di Covid-19 nel nostro Paese, con una situazione critica soprattutto in alcune regioni, Berlino ha deciso di ampliare l’elenco di regioni italiane considerate a rischio, introducendo l’obbligo di quarantena o tampone per tutti coloro che provengono da questi territori.

Lo scorso 17 ottobre le prime restrizioni erano state introdotte per coloro che arrivavano in Germania dalla Campania e dalla Liguria. Ora l’elenco è stato ampliato con altre 11 regioni italiane e la provincia di Bolzano. Salgono così a 13 le regioni italiane, più la provincia autonoma di Bolzano, dalle quali i viaggiatori dovranno sottoporsi a tampone o quarantena obbligatori in Germania.

Le nuove zone a rischio sono:

  • Abruzzo,
  • Emilia Romagna,
  • Friuli Venezia Giulia,
  • Lazio,
  • Lombardia,
  • Piemonte,
  • Sardegna,
  • Toscana
  • Umbria,
  • Valle d’Aosta,
  • Veneto,
  • provincia autonoma di Bolzano.

L’obbligo di quarantena o tampone per chi arriva in Germania da queste zone d’Italia entra in vigore sabato 24 ottobre.

Altri Paesi per cui entreranno in vigore le nuove restrizioni ai viaggi in Germania sono: la Svizzera, la Polonia, l’Irlanda, il Regno Unito, il Liechtenstein, alcune zone della Svezia, dell’Austria, dell’Ungheria, della Bulgaria, della Slovenia e della Croazia.

L’elenco dei Paesi e delle zone a rischio è aggiornato dal Robert Koch Institut a questa pagina.

Il criterio adottato dall’Istituto per definire una zona o un Paese a rischio è di 50 contagi ogni 100mila abitanti nella media dell’ultima settimana. Questa soglia critica, tuttavia, non è tassativa. Il governo tedesco può introdurre lo stesso delle restrizioni agli arrivi da determinati Paesi o da alcune loro regioni se ritiene che quelle zone siano molto contagiose e le infezioni non siano sotto controllo, anche se inferiori ai 50 casi ogni 100mila abitanti.

La situazione epidemica, comunque, è critica anche in Germania, dove i contagi hanno sono in progressivo aumento e anche qui hanno superato la soglia dei 50 ogni 100mila abitanti.

Altre restrizioni per i viaggiatori italiani

L’obbligo di quarantena per i viaggiatori provenienti dall’Italia era stato già introdotto nei giorni scorsi dal Regno Unito, nonostante l’epidemia nel Paese sia molto più grave che in Italia.

Al momento, l’Italia prevede l’obbligo di tampone solo per chi proviene dal Regno Unito e dall’Irlanda del Nord e non dalla Germania, insieme a un elenco di altri Paesi (Francia, Belgio, Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Spagna).

Leggi anche –> Mercatini di Natale 2020 quali si faranno: elenco dei cancellati

Berlino, la Porta di Brandeburgo (iStock)