Marika, chi è la ragazza tetraplegica protagonista del viaggio con Le Iene

A Le Iene andrà in onda “L’incredibile viaggio di Marika”, l’esperienza di una ragazza disabile dalla nascita con un grande sogno: salire su una motocicletta.

“Le Iene” andranno in onda eccezionalmente questa sera, di mercoledì, in prima serata su Italia 1. Alla conduzione dello show torna Alessia Marcuzzi in compagnia di Nicola Savino e della sempre presente Gialappa’s Band, per mostrare un importante servizio riguardante una ragazza speciale.

LEGGI ANCHE -> Alessia Marcuzzi, falso allarme: non ha il Coronavirus

LEGGI ANCHE -> Caos a Le Iene, Alessia Marcuzzi positiva al Coronavirus

Matteo Viviani e Riccardo Spagnoli de “Le Iene” mostreranno la testimonianza di Marika, una giovane ragazza di 22 anni, affetta dalla nascita da tetraparesi spastica distonica, una grave disabilità che le impedisce di poter vivere una vita autonoma. La ragazza necessita di cure costanti, oltre al supporto da parte dei familiari, anche per lo svolgimento delle più piccole attività quotidiane. Nonostante non possa muoversi da sola, questo non le impedisce di sognare e viaggiare con la mente e, infatti, ha raccontato ai giornalisti del programma il suo sogno più grande: salire su una motocicletta e sentirsi libera.

LEGGI ANCHE -> Il misterioso astuccio nero di Maria De Filippi: che cosa contiene?

Marika, una vita piena di sogni

Marika verrà aiutata dal programma di Italia 1 e dal motociclista Simone Zignoli per realizzare il suo sogno, grazie alla realizzazione di una moto costruita appositamente per le sue esigenze. Nel servizio in onda questa sera verrà raccontato l’incredibile viaggio della ventiduenne e dei suoi accompagnatori in Sardegna. La troupe si è preparata eseguendo tutti i controlli anti-Covid prima di poter anche solo pensare alle prove generali per il loro lungo viaggio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

La malattia di Marika, la tetraparesi spastica distonica, le impedisce di avere il controllo sul proprio corpo, un corpo che per lei è sempre stato come una gabbia. Ciò nonostante, la giovane è piena di speranze e sogni, come quello di salire in motocicletta e, arrivata all’appuntamento per provare il seggiolino che le consentirà di viaggiare in sicurezza, appare immediatamente felicissima: “Oggi è una giornata importante? Oggi andiamo a provare il seggiolino! Non vedo l’ora! Sono emozionata“, così racconta a Matteo Viviani.