Fabrizio Corona figlio di un grande giornalista: chi era Vittorio Corona

Vittorio Corona è stato un famoso giornalista italiano, collaboratore tra l’altro di Novella 2000, Grazia, Studio aperto e La Voce. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Tale padre tale figlio, dice il proverbio. Ma il caso di Vittorio e Fabrizio Corona sembra fare eccezione. I due sono diventati famosi per motivi assai diversi, come diversi erano il carattere, la personalità e lo stile del grande giornalista in confronto a quelli dell’ex Re dei Paparazzi. Conosciamo più da vicino Vittorio Corona uomo e professionista.

Leggi anche –> Fabrizio Corona, messaggio da brividi per il padre Vittorio: “Ti cercavo…” 

Leggi anche –> Fabrizio Corona con il Coronavirus invita il figlio: Nina Moric chiama il 112

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ritratto di Vittorio Corona

Vittorio Corona nacque ad Aci Castello (Catania) nel 1947 da un altro giornalista, Aurelio Corona, capocronista del quotidiano La Sicilia. Ed è proprio in quel giornale che avviò la sua carriera. Trasferitosi ben presto a Milano, Vittorio Corona lavorò come caporedattore di Novella 2000 e poi come vicedirettore del settimanale Annabella, diventando successivamente il direttore di Grazia. Dopo essere tornato in Sicilia per un breve periodo alla direzione dell’emittente privata Telecolor, entrò in Rai e curò la fondazione dei mensili Moda e King, dei quali assunse anche la direzione.

Nel 1992 passò a Mediaset, dove venne chiamato a dare nuova veste al programma Studio aperto. Grazie alle sue idee furono introdotti nel format fotomontaggio, satira e partecipazione dei telespettatori da casa tramite chiamate e fax. Nel 1994 Vittorio Corona fu direttore artistico e poi vicedirettore della nuova testata fondata da Indro Montanelli, La Voce. Padre di Fabrizio, Federico e Francesco, il giornalista morì a Milano nel 2007 a soli 59 anni, dopo tre anni e mezzo di lotta contro il cancro.

Leggi anche –> Fabrizio Corona | il post bellissimo per il figlio Carlos | FOTO 

EDS

Fabrizio Corona