Tambu Makinzi, 2 kg di tumore sul viso: la sua drammatica storia

Tambu Makinzi soffre di una rara forma di tumore alle ossa che la sta divorando da ormai 4 anni. Ha viaggiato dal Sud Africa a Londra per sottoporsi a un’operazione salvavita.

Gli assidui mal di testa sono stati solo la punta dell’iceberg dell’odissea che ha dovuto vivere questa giovane donna. La paura che fosse qualcosa di più grave diventa reale quando la fronte di Tambu comincia a gonfiarsi. La diagnosi è schiacciante: chondrosarcoma, una rara forma di cancro alle ossa.

Leggi anche -> Bambina tumore | la piccola Vittoria uccisa a 5 anni da male rarissimo

Leggi anche -> Yulce, chi è la ragazza col volto sfigurato: il miracolo della guarigione

Radioterapia, chemioterapia e operazioni inconcludenti diventano la quotidianità per quattro anni. Ormai le ossa del naso e della mandibola erano state inglobate dal tumore e l’occhio sinistro si era allontanato dalla sua posizione originale.

Più di 9000 chilometri per un viaggio salvavita verso Londra

Senza la complessa operazione fatta dal Professor Iain Hutchinson, chirurgo maxillo facciale dell’Ospedale Barts di Londra, non avrebbe vissuto ancora a lungo. L’intervento è pionieristico e fortunatamente si ha la conferma che la massa non si era espansa fino a raggiungere il cervello. Con l’aiuto di un équipe di altri sei chirurghi, il tumore di oltre 2kg viene rimosso.Il primo intervento di ricostruzione facciale si conclude con un buco nell’acqua perché i gli innesti cutanei vengono rigettati, ma i medici non si arrendono e riescono a ricostruire il viso di Tambu sfruttando i muscoli della schiena, una costola e la pelle delle gambe.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI.

Finalmente è tornata a vivere dopo anni di agonia e potrà trascorrere il tempo serenamente con la sua famiglia che non l’ha mai abbandonata. Suo marito le è sempre stato accanto e con l’aiuto degli altri parenti aveva raccolto più di 30.000 sterline per finanziare il viaggio e le operazioni. Oggi, Tambu può dirsi guarita e davanti a lei si prospetta una nuova vita anche se talvolta appaiono online fonti non verificate che sostengono sia morta.