Stagione delle castagne al via: anticipata la raccolta 2020

Stagione delle castagne al via: quest’anno è stata anticipata la raccolta, che si annuncia promettente.

stagione castagne raccolta
Stagione e raccolta delle castagne (Adobe Stock)

C’è grande attesa per la stagione delle castagne, uno dei frutti dell’autunno più amati. Le castagne sono alla base di tantissime ricette e si possono consumare in mille modi, oltre a quello più tradizionale che le vuole arrostite. Accompagnate da un buon bicchiere di vino rosso sono una golosità irresistibile e ideale per scaldarsi dai primi freddi.

Quest’anno la raccolta delle castagne è stata anticipata in tutta Italia, grazie al clima favorevole. Gli esperti segnalano una buona presenza di questi frutti nelle principali zone italiane dove vengono prodotti, dai castagneti del Piemonte a quelli dell’Appennino Tosco Emiliano fino ad arrivare al Lazio e alla Campania. A fronte di una buona quantità di castagne raccolte quest’anno, tuttavia la domanda rischia di essere bassa, a causa dell’emergenza del Covid-19 che ha cancellato o ridimensionato sagre e fiere dedicate a questo gustoso frutto d’autunno. L’auspicio è che quest’anno gli italiani acquistino più castagne nei negozi di frutta e verdura o al supermercato.

Dopo la raccolta dei funghi 2020, scopriamo qualcosa di più sulla raccolta delle castagne: dove andare, quali castagne raccogliere e come.

Stagione delle castagne al via: raccolta 2020

castagne
iStock

Le castagne sono il frutto dell’autunno per eccellenza, prodotte dagli alberi di castagno tipici della macchia mediterranea e ricche di sostanze nutrienti tanto da essere considerate alimento completo, con il loro apporto di zuccheri, proteine, vitamine e sali minerali. Le castagne si consumano spesso arrostite, la caldarroste, in padella o al forno, o anche lesse. Innumerevoli sono le ricette dolci e salate a base di castagne. Le castagne si consumano anche sotto forma di farina, che l’ingrediente base di molti dolci, come il castagnaccio, mentre la preparazione più golosa è quella dei marron glacé. Dai fiori di castagno si ricava un miele scuro e dal sapore pungente.

Tipi di castagne

I frutti del castagno si distinguono in castagne e marroni. Le prime vengono dagli alberi selvatici e i secondi da quelli coltivati. Le castagne sono schiacciate da un lato e hanno la buccia color marrone scuro, mentre i marroni sono più grandi, tondi nella forma e con la buccia striata di marrone più chiaro. La polpa delle castagne ha dei setti dove penetra la pellicola che le avvolge, mentre i marroni sono interi e lisci. Le castagne sono più saporite mentre i marroni sono più dolci.

Diversi tipi di castagne: Carpinese, Ciria, Lojola, Montan, Neiranda, Marrone (a cui viene aggiunto il nome della località), Pastinese, Brandigliana, Alotta, Lizzanese, Agostana, Rossera, Bellina, Biancola, Invernizza, Raggiolana, Valcamonica, Verdesa, Frombola, Pistolese, Torcione. I vari nomi indicano le zone di provenienza.

Leggi anche –> Boschi per cercare i funghi porcini in Italia: dove andare

Castagne e marroni Dop e Igp in Italia

Castagne

  • Castagna di Montella (IGP)
  • Castagna del Monte Amiata (IGP)
  • Castagna Cuneo (IGP)
  • Castagna di Vallerano (DOP)

Marroni

  • Marrone del Mugello (IGP)
  • Marrone di Castel del Rio (IGP)
  • Marrone di San Zeno (DOP)
  • Marrone di Scala (IGP)-Italia
  • Marrone di Roccadaspide (IGP)
  • Marrone del Monfenera (IGP)
  • Marrone di Combai (IGP)
  • Marrone di Caprese Michelangelo (DOP)
  • Marrone della Valle di Susa (IGP)
  • Marroni Piceni. Marchio Collettivo registrato
castagne-raccolta-reato
Castagne iStock

Raccolta delle castagne

In Italia la raccolta delle castagne solitamente inizia tra la fine di settembre e i primi di ottobre, a seconda delle zone, del clima e dell’altitudine. Si comincia prima al Nord e poi a scendere al Sud. Le castagne vengono raccolte nei boschi di castagno quando sono a terra, dopo che i ricci che contengono sono caduti dall’albero. Occorre fare molta attenzione, tuttavia, perché non in tutti i boschi è consentito raccogliere le castagne, in alcune zone è espressamente vietato e si può andare incontro a multe salate. Pertanto, è bene informarsi prima di andare nel luogo che si è scelto, consultando i vari siti web delle singole Regioni.

Tanti sono i boschi in Italia dove raccogliere la castagne, i luoghi più rinomati e conosciuti sono sugli Appennini. A cominciare dall’Appennino Tosco Emiliano e nell’adiacente Appennino Tosco Romagnolo. Poi in Toscana sul Monte Amiata, in Piemonte in Val di Susa e nelle province di Cuneo e Alessandria, nei boschi del basso Lazio e in quelli della Campania, dove i castagni occupano un posto speciale. Altri luoghi sono le montagne calabresi del Parco Nazionale della Sila e tra i boschi del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga.

Tanti sono i luoghi dove andare, perfetti per una passeggiata d’autunno. Li scopriremo in dettaglio in seguito.

Leggi anche –> Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba 2020: da ottobre a dicembre

Essiccatoio per castagne a Perlo, Cuneo (Ivo Chiappello – Flickr, CC BY-SA 2.0, Wikicommons)