Coronavirus oggi | lo Spallanzani | ‘Rischio autunno come in primavera’

“Il prossimo autunno potrà essere come era stata la primavera”, è il possibile pericolo paventato dallo Spallanzani per il Coronavirus oggi.

Coronavirus oggi Spallanzani
Rischio Coronavirus oggi Spallanzani Foto dal web

L’epidemia di Coronavirus oggi preoccupa di nuovo in Italia. Ma sono tante altre le parti del mondo che da mesi sono alle prese con la pandemia. In certi situazione il quadro generale non ha praticamente mai mostrato alcun miglioramento. È il caso di Stati Uniti e Brasile, ma anche della Gran Bretagna.

LEGGI ANCHE –> Covid, Sardegna: il comune di Aidomaggiore è stato messo in lockdown

Per quanto riguarda il nostro Paese, il professor Giuseppe Ippolito, che ricopre la carica di direttore scientifico dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive ‘Lazzaro Spallanzani’ di Roma, mostra una comprensibile preoccupazione. Ippolito, intervistato all’interno della puntata di domenica 27 settembre 2020 di ‘Mezzora in più’, su Rai 3, parla apertamente di “mondo sotto scacco a causa del Coronavirus oggi. In Italia la crisi sta colpendo molto meno che in Francia, Spagna, Regno Unito. Ma pure da noi ci sono ricoveri in terapia intensiva e casi in aumento. Segno che il virus circola ancora e da febbraio non si è mai fermato. Bisogna fare molta attenzione, specialmente ora che arriva l’autunno. Perché può andare esattamente come la scorsa primavera”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Covid-19, studio allarmante: “Il virus è cambiato, resiste alle mascherine”

Coronavirus oggi, l’autunno potrebbe essere pesante come la scorsa primavera

Secondo Ippolito, una parte importante nella circolazione del Covid-19 è giocata anche dai fattori climatici. Con l’estate ed il caldo, le goccioline che veicolano il virus hanno subito un processo di evaporazione molto veloce. E questo, unito al rispetto delle norme anti contagio costituite in principal modo da un corretto utilizzo della mascherina (a copertura di naso e bocca, n.d.r.) e con l’evitare gli assembramenti, aveva portato all’avere una situazione tutto sommato sotto controllo. Ma con i primi freddi e con anche situazioni come l’apertura delle scuole, che porta ad inevitabili situazioni di assembramento sia nelle aule al chiuso che sui mezzi pubblici, ci sarà ora da fare attenzione. E c’è dell’altro: i sintomi del Coronavirus sono ben noti. E spesse volte vanno a coincidere con quelli dell’influenza, che presto colpirà, come in ogni periodo autunnale ed invernale. “Chiunque può essere contagiato dal Covid-19, è bene tenerlo a mente”, dice Ippolito. Che continua a consigliare prudenza per evitare ogni possibile sviluppo spiacevole.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, in Francia torna la paura: 13 mila contagi in 24 ore