Covid, Sardegna: il comune di Aidomaggiore è stato messo in lockdown

Il crescente aumento di casi di Covid nel paese di Aidomaggiore ha costretto la vicesindaca a stabilire una settimana di lockdown.

Sebbene l’Italia si trovi in una situazione decisamente migliore rispetto agli altri Paesi d’Europa per quanto riguarda la diffusione del Covid, ci sono zone in cui il contagio aumenta in maniera più cospicua che in altre. Una di queste è di sicuro la Sardegna, la regione dalla quale è ripartita la diffusione estesa del contagio in Italia. Nei giorni scorsi il comune di Orune (Nuoro) ha deciso di entrare in quarantena per limitare la diffusione del virus. A distanza di pochi giorni la decisione è stata seguita anche dal comune di Aidomaggiore (Oristano).

Leggi anche ->Covid-19, in Francia torna la paura: 13 mila contagi in 24 ore

La decisione è stata presa nelle scorse  ore dalla vicesindaca Maria Lourdes Pala, la quale al momento è in carica come sindaco in sostituzione del primo cittadino che si trova in isolamento poiché positivo al Covid-19. Nell’ordinanza si legge che la scelta è stata effettuata in considerazione del “peggioramento della situazione epidemiologica e la crescente diffusione del Covid-19 che ha fatto registrare, alla data odierna, due casi nel Comune di Aidomaggiore”. Casi ai quali con ogni probabilità se ne aggiungeranno altri poiché si attendono i risultati dei tamponi effettuati da cittadini entrati in contatto con persone risultate positive al virus.

Leggi anche ->Covid, Flavio Briatore osanna l’Italia ed è polemica: “Ma sei fulminato?”

Covid, Sardegna: in lockdown Aidomaggiore fino al 2 ottobre

A partire da quest’oggi, dunque, il comune sardo entrerà in lockdown sino al 2 ottobre. Sono dunque vietati gli assembramenti e sono interrotte tutte le attività lavorative ad accezione di quelle alimentari e farmaceutiche. I cittadini, come accaduto lo scorso marzo per tutta Italia, non potranno uscire di casa se non per ragioni di comprovata necessità. Sarà dunque permesso di lasciare la propria abitazione solo per andare a fare la spesa, recarsi in farmacia o andare a fare una visita medica. La quarantena scade il prossimo 2 ottobre, ma potrebbe essere prolungata se la situazione dovesse complicarsi ulteriormente.