Daniele De Santis omicidio | trovati biglietti con sangue | è del killer?

Investigatori e Scientifica al lavoro per cercare di venire a capo dell’omicidio con vittime l’arbitro Daniele De Santis e la sua fidanzata.

Daniele De Santis omicidio
Eleonora Manta Daniele De Santis omicidio Foto dal wen

Sta assumendo sempre più i contorni del giallo l’omicidio relativo a Daniele De Santis ed alla fidanzata Eleonora Manta. Mentre gli inquirenti hanno interrogato un uomo di 37 anni di nome Andrea, seguendo quelle che sono state le ultime parole della ragazza uccisa (“Fermati, Andrea!”) in base a quanto indicato da alcuni testimoni, ecco che ora spunta un ulteriore potenziale indizio.

LEGGI ANCHE –> Daniele De Santis | inquirenti sicuri | ‘È un delitto premeditato’

Si tratta di alcuni biglietti macchiati di sangue che si ritiene appartengano proprio al killer del 33enne Daniele De Santis e della sua fidanzata e convivente, più giovane di lui di tre anni. Possibile che l’assassino li abbia persi nel corso della sua fuga seguita subito dopo la colluttazione con le vittime, terminata con svariate coltellate inferte ai due componenti della coppia. I due sono stati massacrati all’interno del loro appartamento di Lecce. I biglietti sono stati rinvenuti invece nel cortile del palazzo. Bisogna stabilire se quel sangue appartenga ai due ragazzi uccisi oppure se sia proprio di chi ha perpetrato questo feroce delitto. La Polizia Scientifica è al lavoro per cercare di stabilirlo, e si spera che la verità possa coincidere con quest’ultima ipotesi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Lutto nel calcio: ucciso l’arbitro De Santis dopo una violenta lite

Daniele De Santis omicidio, si spera di estrapolare il Dna dell’assassino

In tal modo infatti le forze dell’ordine avrebbero a disposizione il Dna dell’assassino e questo farebbe aumentare di molto le possibilità di attribuire allo stesso un nome ed un cognome. De Santis, come noto, era un arbitro molto quotato di Serie C con qualche apparizione come quarto uomo anche in B. La Manta invece lavorava come funzionaria dell’INPS. Nell’interrogatorio svolto dalle forze dell’ordine, parenti ed amici di entrambi hanno dichiarato di non avere notato niente di strano. Eppure le circostanze della loro morte fanno pensare. Eleonora è stata finita con circa 30 coltellate, sul pianerottolo di casa, mentre con Daniele il killer si è fermato a 15. E pure questa circostanza lascia pensare che forse sembrava essere proprio la donna l’obiettivo principale, data la inusitata ferocia dimostrata nell’ucciderla.

LEGGI ANCHE –> Taranto, disabile 63enne ucciso in casa: il badante si costituisce

Immagini delle telecamere al vaglio degli inquirenti

Ma si pensa anche che la coppia potesse conoscere chi li ha ammazzati in maniera così efferata, dal momento che lo hanno fatto entrare in casa. Nella giornata di giovedì 24 settembre 2020 ha avuto luogo anche lo svolgimento di un esame autoptico. Gli inquirenti stanno passando al setaccio alcune riprese delle telecamere di sorveglianza installate in zona. Sembra che il mostro sia stato inquadrato senza alcuna copertura sul viso. Invece quando è fuggito, i testimoni che lo hanno avvistato hanno riferito che si trattava di una figura vestita completamente di nero, dalla testa ai piedi. Con una tuta da motociclista, guanti e cappuccio.

LEGGI ANCHE –> Infermiera si innamora di un pedofilo: trova le figlie pugnalate a morte

Daniele De Santis arbitro
Per l’uccisione dell’arbitro Daniele De Santis e della fidanzata si cerca un uomo vestito di nero Foto dal web