Home News Nudo e affamato: bimbo di 3 anni salvato dalla casa degli orrori

Nudo e affamato: bimbo di 3 anni salvato dalla casa degli orrori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:14
CONDIVIDI

Un bimbo di 3 anni trovato in una casa lurida è stato salvato in extremis: aveva trascorso lì tre giorni da solo e senza cibo. 

Un bambino di tre anni è stato trovato in una casa lurida e infestata da blatte sporca nella quale aveva trascorso tre giorni da solo senza cibo. Il piccolo è stato abbandonato da sua madre, di nome Natalia, partita con gli amici a Odessa, nel sud dell’Ucraina, secondo la ricostruzione della Polizia. Il piccolo è riuscito a sopravvivere mangiando un po’ di zucchero: l’unica cosa che è riuscito a trovare.

Leggi anche –> Bimbo ferito, malnutrito muore in ospedale: arrestati i genitori

Leggi anche –> Bimba di 5 anni violentata, uccisa e bruciata: si cerca il colpevole

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il bimbo abbandonato tra sporcizia e degrado

Il bambino è stato trovato giovedì scorso: dopo aver aperto un rubinetto per cercare di prendere dell’acqua, ha allagato l’appartamento dei vicini del piano di sotto e poco dopo è scattato l’allarme. All’arrivo degli operatori del servizio di emergenza era nudo e nascosto sotto il letto, tra la sporcizia e il degrado. Aveva persino cominciato a mangiare la confezione dello zucchero dopo averla svuotata.

Il bambino, ridotto allo stremo, è stato subito portato in ospedale dove i medici gli hanno diagnosticato una grave forma di malnutrizione. Nel frattempo, i servizi sociali hanno ispezionato la casa e sono giunti alla conclusione che l’ambiente era pericoloso per la sua salute, tanto da metterne a repentaglio la sopravvivenza.

Yulia Nikandrova, a capo del servizio di protezione dei bambini, ha commentato: “Il bambino viveva in condizioni antigieniche orribili. L’appartamento era infestato da scarafaggi e contaminato da sporcizia di ogni genere. Non c’era cibo. Era abbandonato a se stesso e coperto di lividi”. La madre, tornata a casa il giorno successivo, è già stata interrogata dalla polizia e accusata di mancato adempimento dei doveri genitoriali. Quanto al bimbo, verrà ricoverato in un orfanotrofio dopo le dimissioni dall’ospedale.

EDS