Crisanti | ‘Nuovo piano anti Covid del Governo con incentivi’

Parla il professor Crisanti, in prima linea contro l’epidemia da mesi. Lo specialista illustra il nuovo piano delle autorità contro il virus.

crisanti tamponi
Il professor Crisanti illustra la nuova strategia anti Covid Foto dal web

Il professor Andrea Crisanti, direttore della Microbiologia di Padova e tra i maggiori fautori del ricorso più vasto possibile ai tamponi, sarà il responsabile della nuova strategia varata dal Governo che consiste in un Piano Nazionale di Sorveglianza.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Miozzo: “Gli stadi non sono priorità, pensiamo alle scuole”

Lo stesso Crisanti, intervistato dal Corriere della Sera, riferisce alcuni dettagli. È coinvolto anche il Comitato tecnico scientifico, con fondi per 40 milioni più altri 1,5 di spesa al giorno, mediamente. Il tutto è votato a controllare i nuovi contagi e ad evitare il sorgere di ulteriori focolai. Uno degli obiettivi primari sarà svolgere almeno 300mila tamponi al giorno, contro i 75mila di media odierni. E specialmente in questo periodo così delicato, diviso tra il rientro dalle vacanze ed il previsto ritorno a scuola, occorre fare la massima attenzione possibile. Poi Crisanti consiglia a tutti gli studenti di sottoporsi a vaccino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Claudio Bisio, la morte della madre e gli ultimi incontri: “Non potevo abbracciarla”

Crisanti: “Chi usa iImmuni salta la fila”

Poi ampia autonomia verrà data alle regioni, con l’apertura di nuovi laboratori per arrivare ad implementare il numero di tamponi giornalieri. I costi di questo nuovo piano sono ingenti. Un modo importante per ridurli consiste nel prodursi da sé i reagenti necessari, “come facciamo a Padova”, aggiunge il professore. Altrettanto importante è monitorare chi arriva in Italia dall’estero, anche con la tracciatura dei telefoni ma in pieno rispetto della privacy. Infine per rilanciare la app iImmuni, il professore aggiunge che chi ne farò uso salterà la fila quando dovrà fare il tampone.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il professor Galli: “Servono 300mila tamponi al giorno”