Home News Malasanità | sta male dopo cena | l’ospedale lo dimette ma muore

Malasanità | sta male dopo cena | l’ospedale lo dimette ma muore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:04
CONDIVIDI

Si indaga per un presunto caso di malasanità a seguito di un malore avuto da un uomo che era andato in ospedale. Dopo 24 ore è morto.

malasanità Lecce
Possibile caso di malasanità a Lecce Foto dal web

C’è un presunto caso di malasanità accaduto a Lecce. Un uomo di 72 anni, Antonio Schilardi, aveva richiesto un ricovero a seguito di un malore dopo una cena tra amici. Il gruppo aveva consumato delle alici ed altri tipi di pesce. Dopo una visita l’anziano era stato dimesso ma all’indomani è deceduto.

LEGGI ANCHE –> Billionaire Covid | altri 52 casi di positività tra i dipendenti | FOTO

Ora la Procura della città salentina ha aperto un fascicolo sulla vicenda, disponendo un esame autoptico sul corpo. Il caso risale allo scorso 11 agosto con la vittima che due giorni prima, di sera, era andata prima all’ospedale di Copertino, in provincia di Lecce, e poi al più grande ed attrezzato ‘Vito Fazzi’, in città. I sintomi osservati consistevano in dolori addominali e dissenteria.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, lo sfogo dell’operatrice sanitaria: “La notte non dormo, ho paura”

Malasanità, si indaga su eventuali responsabilità per la morte di un uomo

Dopo una notte in osservazione, il personale medico aveva dato il proprio placet affinché l’uomo venisse dimesso. Gli erano stati somministrati degli antidiarreici oltre a delle flebo. Tornato a casa il 10 agosto, a distanza di 24 ore l’uomo è infine morto. E per gli inquirenti tutto questo potrebbe essere attribuibile ad un caso di malasanità. Si procederà con delle relative osservazioni in merito. Sei medici dell’ospedale di Cupertino sono finiti nel registro degli indagati come atto dovuto, l’ipotesi di reato è quella di omicidio colposo.

LEGGI ANCHE –> Modica | la mamma del bimbo ucciso plagiata dal compagno | ‘Aveva paura’

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, la storia di Martina: “Sono andata in discoteca, ora mio padre rischia la vita”