Atalanta Coronavirus | il Ministero | ‘Col Valencia esplosione del virus’

0
5

L’accostamento Atalanta Coronavirus ha senso di esistere, in base a quanto sostiene il Ministero della Salute sul match contro il Valencia giocato a febbraio del 2020.

Atalanta Coronavirus tifosi
Accostamento Atalanta Coronavirus dopo il match Champions col Valencia FOTO Getty Images

Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza, punta il dito contro il match di Champions League tra Atalanta e Valencia, giocato a febbraio scorso. La partita avrebbe contribuito, a detta dell’esponente del Governo, ad accelerare in maniera decisiva la diffusione del Coronavirus nella provincia di Bergamo, poi assolutamente martoriata dalla emergenza scoppiata di lì a poco.

LEGGI ANCHE –> Focolaio al Billionaire: 6 positivi nel locale di Porto Cervo

Al Meeting di Rimini Ricciardi ha parlato di Atalanta Valencia come di un “momento esplosivo” per la situazione Coronavirus in Italia. Il Ministero ha condotto uno studio apposito sull’afflusso di persone a Milano, sede del club bergamasco per la Champions League giocata nella scorsa stagione. “C’erano 40mila bergamaschi che, una volta tornati nella loro città, hanno sparso il virus in maniera inarrestabile”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Brescia, la furia di Cellino: “Ora tutti positivi dopo due balli in discoteca”

Atalanta Coronavirus, altro episodio sospetto dopo il Valencia: avvenne a Lecce

Ad inizio 2020 il mondo non era ancora a conoscenza della grave crisi che sarebbe scoppiata di lì a poco. Il tutto nonostante in Cina già da due mesi le cose avevano assunto una certa direzione. A Wuhan in particolare, con le immagini della città che sconvolsero il mondo intero. Ma mai nessuno si sarebbe immaginato di dovere vivere lo stesso incubo. Ed oggi si continua ancora a parlare della pandemia e di cosa occorre fare per sconvolgere il manifestarsi di una seconda ondata. Domenica 1° marzo poi si giocò anche l’incontro Lecce Atalanta. Ed in quella circostanza ci fu un esodo importante di supporters organizzati orobici in Puglia. A seguito di un pranzo di gruppo in una pizzeria della città salentina, il proprietario finì con l’infettarsi d Covid. La circostanza venne associata fortemente alla massiccia presenza di lombardi in Puglia.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Richard Gere lancia l’allarme: “Ho perso due persone care”