Brescia, la furia di Cellino: “Ora tutti positivi dopo due balli in discoteca”

Massimo Cellino, patron del Brescia, è tornato a parlare del Coronavirus dopo che un calciatore delle Rondinelle è risultato positivo 

Cellino
Cellino (Getty Images)

I casi positivi di Coronavirus in Italia stanno aumentando a dismisura dopo le vacanze estive. Diversi i calciatori, inoltre, che sono stati colpiti nelle ultime ore. E così il patron del Brescia, Massimo Cellino, ha rilasciato un’intervista ai microfoni de “Il Corriere della Sera” in cui ha svelato: “Per due balli si sono infettati tutti. Ora è peggio di prima. A mio avviso ora la situazione è peggiore di prima. Ci sono tanti giocatori che hanno 20 anni e sono al letto con la febbre”. Lo stesso numero uno del club lombardo è stato colpito dal virus nei mesi scorsi, ma per fortuna non ha avuto mai sintomi: “Io dicevo di non riprendere il campionato mica per la retrocessione, ma perché i problemi si rifletteranno sulla prossima stagione.”

Leggi anche –> Positivi al Coronavirus nel Cagliari: ritiro sospeso

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Brescia, un calciatore positivo

Nelle scorse ore anche un calciatore del Brescia è risultato positivo dopo le vacanze in Sardegna. E così anche gli altri giocatori delle Rondinelle, come Andrea Cistana, Emanuele Ndoj, Leonardo Morosini e Sandro Tonali sono in isolamento in attesa di conoscere l’esito del tampone a cui sono stati sottoposti. Ora anche la data dell’inizio del campionato è ritornata ad essere incerta dopo i diversi casi delle ultime ore in Serie A.

cellino rapina