Home News Coronavirus, l’epidemiologo Lopalco: “Si è innescata la seconda ondata”

Coronavirus, l’epidemiologo Lopalco: “Si è innescata la seconda ondata”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:24
CONDIVIDI

Secondo l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, i nuovi casi di Coronavirus in Puglia sono l’innesco di una seconda ondata, proprio come successe a febbraio. 

E’ dalla Puglia che potrebbe partire la seconda ondata di Coronavirus. A dirlo è l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, capo della task force regionale pugliese per l’emergenza, dopo i casi registrati a luglio e agosto in quella regione: “Penso rappresentino l’innesco di una seconda ondata – scrive l’esperto su Facebook –. Lo stesso innesco che a febbraio, semplicemente, non abbiamo rilevato e che poi ha provocato la grande ondata”. Ma con un’importante differenza: “Le onde di oggi sono quelle di una mareggiata. Se siamo bravi a contenerle, probabilmente non svilupperanno lo tsunami”.

Leggi anche –> Pier Luigi Lopalco: chi è il noto epidemiologo, carriera 

Leggi anche –> Coronavirus 13 agosto, numeri preoccupanti: sopra i 500 nuovi casi

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il monito di Pierluigi Lopalco

Pierluigi Lopalco prende come riferimento un grafico dell’andamento della curva dei contagi che mostra il “picco” tra marzo e aprile. “Lo tsunami è evidente nella parte sinistra del grafico – spiega riprendendo la metafora delle onde -. Grazie al cielo nella nostra Regione la violenza è stata moderata e abbiamo avuto il tempo per prepararci a contenerla. Ma cosa dobbiamo aspettarci nelle prossime settimane? L’aumento dei casi recenti nella parte destra del grafico ha chiaramente un andamento completamente diverso da quello registrato a fine febbraio. Il virus è cambiato? L’estate ci aiuta? Non penso”.

Un elemento tutt’altro che irrilevante è poi l’età dei contagi, molto più bassa rispetto a sei mesi fa. “I casi che registriamo oggi sono di età più giovane e di gravità mediamente molto più lieve dei casi di febbraio – conclude Lopalco –. Sono dunque quei casi che a quel tempo non erano per nulla intercettati dal sistema di sorveglianza”. Un motivo in più, se ce ne fosse bisogno, per non abbassare la guardia.

Leggi anche –> Coronavirus, Miozzo: “Se i contagi continuano a salire, il lockdown è inevitabile” 

Leggi anche –> Coronavirus, oltre 550 ragazzi potenzialmente contagiati: ecco dove

EDS