Morta suicida campionessa di pattinaggio – VIDEO

Ekaterina Alexandrovskaya, campionessa di pattinaggio nata in Russia ma naturalizzata australiana, sarebbe morta suicida lasciando un biglietto.

Il Comitato olimpico australiano ha confermato la morte dell’ex campionessa mondiale di pattinaggio artistico Ekaterina Alexandrovskaya a Mosca. Secondo quanto si apprende, la campionessa juniores si sarebbe suicidata, lasciando un biglietto con scritto ‘Amore’.

Leggi anche –> Morto Donato Sabia, l’ex atleta olimpico aveva contratto il Coronavirus

La giovane atleta era nata in Russia ma nel 2016 ha ottenuto la cittadinanza australiana. Proprio con l’Australia, nazione d’origine del partner sportivo e nella vita, Harley Windsor, aveva gareggiato alle ultime Olimpiadi. La coppia ha vinto il titolo mondiale junior 2017

(Ryan Pierse/Getty Images)

Leggi anche –> Jack Hatton, campione olimpico di Judo: è morto all’età di 24 anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

(GEOFF ROBINS/AFP via Getty Images)

A causa di diversi gravi infortuni, la campionessa di pattinaggio qualche tempo fa si era ritirata. Windsor, il primo atleta indigeno australiano a competere alle Olimpiadi invernali, ha dichiarato di essere stato “devastato” dalla notizia della morte di Alexandrovskaya. Ian Chesterman, capo missione della squadra australiana a Pyeongchang, alle ultime olimpiadi invernali, la ricorda come “una persona vivace e di talento e un atleta incredibile”. Ha aggiunto: “Era calma e umile nei suoi modi, ma incredibilmente determinata”. Si tratta del secondo olimpionico australiano a morire in 10 giorni, dopo il decesso di Alex Pullin, due volte campione del mondo di snowboard, annegato l’8 luglio sulla Gold Coast a nord di Brisbane.