Home News Naya Rivera, i risultati dell’autopsia confermano la morte accidentale

Naya Rivera, i risultati dell’autopsia confermano la morte accidentale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:52
CONDIVIDI

Sono giunti i risultati dell’autopsia sul corpo ritrovato a Lago Piru, Los Angeles, che confermano l’identità e le cause del decesso di Naya Rivera.

Lo scorso 8 luglio le autorità californiane hanno trovato a bordo di una barca sul lago Piru il piccolo Josey, figlio dell’attrice americana Naya Rivera. Della donna invece non c’era traccia ed è stata immediatamente avviata un’indagine per la sua scomparsa. Sin da subito si è compreso che la star di Glee era morta nel lago, visto che il bambino ha raccontato agli agenti che la madre l’aveva salvato dall’annegamento e poi era scomparsa.

Leggi anche ->Naya Rivera, l’ultima intervista prima della scomparsa: “Inseguite i sogni”

Inizialmente non è stata esclusa la possibilità che la star si fosse suicidata, ma dopo che il corpo è stato ritrovato, lo sceriffo della contea l’ha esclusa. In base alla dinamica dell’accaduto, infatti, risultava che la donna aveva esaurito le proprie energie per salvare il figlio e poi non era riuscita a risalire sulla barca. Questa ricostruzione dei fatti è stata confermata dai risultati dell’autopsia.

Leggi anche ->Morte Naya Rivera, lo sceriffo: “Annegata per salvare il figlio”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Naya Rivera: l’autopsia conferma che si tratta di una morte accidentale

Nel referto redatto dal medico legale, si legge che la causa della morte di Naya è un annegamento accidentale: “Le circostanza e le caratteristiche fisiche stavano ad indicare che si trattasse del corpo di Naya Rivera e l’identità è stata confermata dalla comparazione dentale”. Spiega in un primo momento il medico che poi parla delle cause della morte: “I risultati dell’autopsia sono compatibili con un annegamento e le condizioni del corpo con il tempo durante il quale è stato sommerso. Non sono state trovate ferite traumatiche o segni di malattia. Non ci sono nemmeno indicazioni dalle investigazioni e dagli esami che la droga o l’alcol abbiano giocato un ruolo nella morte”.

Insomma tutto converge con l’ipotesi dell’annegamento accidentale, anche se l’ultima parola sulla presenza di droga o alcol nel corpo della vittima è lasciata all’esame tossicologico. Dopo la pubblicazione dell’autopsia la famiglia di Naya ha voluto ringraziare i fan per i messaggi di supporto di questi giorni in un primo messaggio pubblico di cordoglio per la star scomparsa.