Morte Naya Rivera, lo sceriffo: “Annegata per salvare il figlio”

Dopo il ritrovamento del cadavere nel Lago Piru, lo sceriffo della contea ha spiegato alla stampa che Naya Rivera è annegata per salvare il figlio.

Circa cinque giorni fa il mondo è stato sconvolto dalla notizia della scomparsa della giovane e bella attrice americana Naya Rivera. La star della pluripremiata serie ‘Glee‘ era andata a fare una gita sul lago Piru con il figlio. Durante quella escursione, madre e figlio avrebbero dovuta fare una nuotata in una parte del lago in cui era permesso farlo e poi tornare a casa, ma qualcosa è andato storto.

Leggi anche ->Naya Rivera scomparsa nel lago: “Abbiamo trovato un corpo”

La polizia locale, infatti, ha trovato il bimbo addormentato sull’imbarcazione e nessuna traccia della madre. Quando il piccolo è rinvenuto ha raccontato che Naya l’aveva aiutato a tornare sulla barca quando aveva avuto un momento di difficoltà e che poco dopo l’aveva vista scomparire nel lago. La prima pista vagliata è stata quella del suicidio, ipotesi però che è stata scartata immediatamente dagli investigatori.

Leggi anche ->Naya Rivera | il tenero momento col figlio prima della tragedia | FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Morte Naya Rivera, per lo sceriffo è annegata per salvare il figlio

Nella giornata di ieri le forze dell’ordine hanno ritrovato un corpo nel Lago Piru ed hanno confermato che si trattava di quello dell’attrice scomparsa. Parlando del ritrovamento lo sceriffo ha spiegato che dev’essere rimasto intrappolato nella vegetazione che si trova sul fondo del Lago per giorni, poiché la zona in cui è emerso era già stata battuta dalle pattuglie.

Per quanto riguarda la dinamica dell’accaduto, le autorità hanno spiegato: “Deve aver raccolto abbastanza energia per riportare suo figlio sulla barca, ma non abbastanza per salvarsi”. Insomma Naya si è tuffata per impedire che il figlio morisse nel lago, ma non è riuscita con un ultimo sforzo a salire in barca e salvarsi.