Home News Coronavirus, Oms: ieri è stato raggiunto un nuovo picco di contagi

Coronavirus, Oms: ieri è stato raggiunto un nuovo picco di contagi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:38
CONDIVIDI

L’Oms ha richiamato l’attenzione sulla pandemia di Coronavirus, comunicando i dati e sottolineando come nelle ultime 24 c’è stato un nuovo picco dei contagi.

In Italia stiamo vivendo una situazione che è simile a quella che si è presentata ad inizio anno con il Coronavirus che faceva paura in Asia ma che da noi era un’eco lontana. Nel giro di un paio di mesi quell’incubo che sembrava così distante è diventato anche il nostro. La Lombardia è stata la regione che ha accusato maggiormente il colpo con il maggior numero di decessi e di contagiati.

Leggi anche – >Coronavirus, il monito di Gianni Rezza: “Rafforzare il distanziamento sociale”

Oggi abbiamo una diminuzione costante dei ricoveri in ospedale e di quelli in terapia intensiva, così come si registra un numero basso di contagi. Sembra dunque che la fase acuta sia abbondantemente superata e si guarda con fiducia al futuro. Tuttavia nel resto del mondo la situazione è diametralmente opposta e ieri, ha rivelato l’Oms, è stato registrato un numero record di casi: 243 mila nuovi positivi in tutto il mondo. Un dato che conferma le parole di qualche settimana fa del presidente dell’Oms,  Tedros Adhanom Ghebreyesus. Questo infatti aveva avvertito che la pandemia era ben lungi dall’essere sconfitta e che nei prossimi mesi avremmo visto i “peggio”.

Leggi anche ->Coronavirus, l’Oms avverte: “Il peggio deve ancora arrivare”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus: nuovo picco di contagi giornalieri in tutto il mondo

Le parole di Ghebreyesus sono state oggetto di discussione nei giorni scorsi, con esperti che non concordano con il dire che il “peggio deve ancora arrivare”. Tuttavia il discorso riguarda la situazione globale ed i dati confermano che nelle ultime sei settimane i positivi nel mondo sono raddoppiati, il che dimostra che la pandemia non sta rallentando, bensì accelerando. Tornando al record di positivi di ieri, a trainare le statistiche sono gli USA, il Brasile e l’India.

Negli Stati Uniti, dove da una settimana si registra un nuova accelerazione in Florida (ieri sono stati registrati 15mila nuovi positivi), solo nelle ultime 24 ore sono stati registrati 66 mila casi, per un totale di 3,37 milioni di positivi e 134 mila decessi. Gli Usa si confermano dunque il Paese con il bilancio più grave, seguiti dal Brasile in cui solo ieri sono stati registrati  quasi 25 mila nuovi positivi ed oltre 600 decessi. Continua ad acuirsi la crisi anche in India, dove nelle ultime 24 ore ci sono stati quasi 29 mila nuovi casi e 551 decessi.

La situazione è diventata preoccupante anche in Sud Africa: ieri sono stati registrati 12 mila casi in un giorno ed oltre 100 vittime. Il Paese africano sta conoscendo una crescita esponenziale dei casi che, se dovesse continuare in questo modo, potrebbe portare ad esiti decisamente gravi. Aumenti di casi sono stati registrati inoltre in gran parte dell’America Latina, compreso il Messico che ieri ha raggiunto i 300 mila casi in totale e le 35 mila vittime.