Home low cost I voli low cost EasyJet ripartono dall’aeroporto di Napoli

I voli low cost EasyJet ripartono dall’aeroporto di Napoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:07
CONDIVIDI

I voli low cost EasyJet ripartono dall’aeroporto di Napoli. Riapartono in estate anche da Venezia. Le info utili.

voli low cost easyjet napoli
EasyJet (iStock)

Altre novità dalla compagnia aerea low cost EasyJet sulla ripresa dei voli in Italia. Dopo il lockdown, la compagnia riprende gradualmente a volare in Italia e a collegare il nostro Paese con il resto d’Europa. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche –> Voli low cost internazionali: le offerte per agosto 2020

I voli low cost EasyJet tornano a Napoli

Dopo i lunghi mesi di stop imposti dalla quarantena per l’emergenza sanitaria del nuovo coronavirus, le compagnie aeree riprendono gradualmente i loro collegamenti. Tra queste c’è EasyJet che ha diversi basi in Italia. Dopo l’annuncio del ritorno dei voli nazionali all’aeroporto di Milano Malpensa, a partire dal prossimo 15 giugno, e la ripresa di quelli internazionali sempre da Malpensa a luglio verso le mete di vacanza in Europa, Israele e Marocco, EasyJet annuncia che tornerà preso a volare anche sull’aeroporto di Napoli Capodichino. Dove la compagnia ha una base.

Il primo collegamento sarà il volo Torino-Napoli del 1° luglio, che avrà sei frequenze a settimana. Poi, le frequenze aumenteranno gradualmente fino ad arrivare a tredici settimanali dal 1° settembre. Dalla base di Napoli Capodichino la compagnia aerea farà ripartire anche i suoi voli low cost verso le mete di vacanza, lanciando una promozione con voli in offerta a partire da 29,99 euro.

Leggi anche –> La low cost Wizz Air apre una nuova base a Malpensa

Non solo, durante la stagione estiva, dal 1° luglio al 31 ottobre, EasyJet farà ripartire anche i suoi voli da Venezia Marco Polo, altra sua base in Italia. Anche in questo caso sono previste diverse tratte per le mete di vacanza, sia in Italia che all’estero.

Con il ripristino dei voli interni e internazionali, EasyJet collegherà l’Italia con 19 Paesi tramite 179 rotte in partenza da 16 aeroporti italiani. In una nota della compagnia aerea si legge: “Chi desidera trascorre l’estate in Italia potrà volare da Milano, Napoli e Venezia verso le spiagge di Sardegna, Sicilia, Puglia, Calabria e Campania; chi desidera ritornare ad esplorare l’Europa in totale sicurezza può approfittare di offerte imperdibili per le isole Baleari, la Croazia e il Portogallo e tornano a disposizione Marocco e l’Egitto“.

Inoltre, la società Aeroporti di Puglia ha comunicato che EasyJet tornerà a volare anche sugli aeroporti di Bari e Brindisi, collegando entrambi gli scali con quasi tutte le destinazioni già in programma per l’estate 2020. Tra i collegamenti, si segnalano i voli da Brindisi a Basilea il 1° luglio, a Milano Malpensa il 1° luglio, a Venezia il 2 luglio, a Parigi Orly dal 22 luglio. Poi i voli da Bari a Venezia il 2 luglio, a Londra Gatwick dal 1° agosto, a Nantes il 3 agosto. Questi voli si aggiungono a quelli già annunciati dalla metà di giugno: il volo da Bari a Malpensa il 16 giugno e quello da Brindisi a Ginevra, sempre dal 16 giugno, il primo volo internazionale di EasyJet in partenza dall’Italia dopo il lockdown.

Leggi anche –> Le compagnie low cost creano l’associazione ‘Voliamo per l’Italia’

Misure di sicurezza sui voli EasyJet

Con la ripartenza dei primi collegamenti dall’Italia, EasyJet ha garantito che i suoi voli rispetteranno le norme di sicurezza sanitaria stabilite in accordo con le autorità aeronautiche ICAO (International Civil Aviation Organization) ed EASA (European Union Aviation Safety Agency). Norme che seguiranno le indicazioni delle autorità competenti per assicurare la tutela della salute a bordo degli aerei di passeggeri ed equipaggio. I velivoli saranno sottoposti tutti i giorni a una procedura di pulizia approfondita, oltre a quella prevista normalmente, e a una sanificazione integrale della cabina per garantire la protezione delle superfici dai virus per almeno 24 ore.

A bordo degli aeromobili sia l’equipaggio che i passeggeri saranno obbligati ad indossare la mascherina protettiva. Il servizio di ristorazione a bordo sarà sospeso per limitare i contatti e gli spostamenti durante il volo. Mentre il distanziamento sociale sarà applicato in aeroporto, ai gate e durante l’imbarco. A bordo, dove possibile, l’equipaggio inviterà i passeggeri che non viaggiano insieme a sedersi a distanza gli uni dagli altri.

Prima della partenza i passeggeri dovranno compilare e firmare dei moduli di autodichiarazione sul proprio stato di salute e sottoporsi alla misurazione della temperatura.

Leggi anche –> Voli low cost: come cambieranno dopo la pandemia

Volo easyJet (iStock)