Fase 2, dopo il silenzio dovuto alla quarantena i fedeli sono tornati a Messa

Insieme alle attività lavorative, oggi sono state riaperte anche le chiese ai fedeli: ecco come sono tornati a Messa gli italiani.

A fare percepire questo 18 maggio come l’inizio di un percorso che riporterà tutti alla normalità hanno contribuito tanti fattori. In primo luogo la riapertura di quasi tutte le attività lavorative destinate al pubblico, quindi la possibilità di uscire di casa senza dover giustificare lo spostamento e quella di poter vedere finalmente anche gli amici. Certo, non è ancora tutto come prima, per il momento dobbiamo dimenticarci le pizzate e le feste in casa, così come abbracci e baci, espressione della nostra veracità.

Leggi anche ->Riaperture 18 maggio: primo volo low cost all’aeroporto di Bergamo

Ci consolerà almeno il fatto (almeno ad una buona parte degli italiani) che a partire da oggi saranno concesse anche le celebrazioni liturgiche. Fino ad oggi, infatti, era stata data la possibilità di celebrare i funerali dei congiunti con un numero ristretto di partecipanti, mentre era rimasto il divieto di fare messa o altre cerimonie (matrimoni, cresime, comunioni, etc…).

Leggi anche ->Fase 2, come evitare il coronavirus: i consigli dell’immunologo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Fase 2, il ritorno a Messa degli italiani

Nelle scorse settimane la possibilità di celebrare la Messa è stata molto dibattuta. Da un lato c’era il governo in attesa di responso dal comitato tecnico-scientifico, dall’altro c’era la Cei e tutta la comunità di fedeli che spingeva affinché si accelerasse la decisione. Ovviamente il ritorno in Chiesa sarà caratterizzato da tutte le precauzioni valide per ogni altro luogo al chiuso. I fedeli devono rispettare la distanza di sicurezza e indossare la mascherina, gli ambienti esterni ed interni sono stati sanificati nei giorni scorsi da reparti specializzati dell’esercito.

Ma com’è stato il ritorno a Messa dell’Italia? In questo lunedì non sono stati tantissimi i fedeli che hanno partecipato alla prima messa mattutina. A Bologna sono state posizionate delle transenne all’interno della Chiesa di San Pietro per assicurare la distanza e suggerire il percorso ai fedeli. A Venezia, nella iconica Basilica di San Marco sono stati solo 6 i fedeli che hanno partecipato alla Messa mattutina.