Mafia | maxi sequestro della Guardia di Finanza | fermato ex Grande Fratello

Vastissima operazione delle Fiamme Gialle che ha stroncato un giro di mafia con sequestro di attività e quasi cento arresti in tutta Italia.

mafia sequestro
Vasta operazione anti mafia sequestro Foto dal web

La Guardia di Finanza ha compiuto un blitz ai danni di due famiglie mafiose a Palermo. Diversi sequestri hanno avuto luogo nelle scorse ore ai danni dei clan dell’Arenella e dell’Acquasanta, con svariate attività di facciata colpite in alcune regioni d’Italia e che garantiva ai malavitosi degli ingenti introiti.

LEGGI ANCHE –> Messina, i familiari la sequestrano: non segue le regole Islam

In totale ci sono 91 arresti tra capi mafiosi, esecutori, gente dedita all’estorsione e semplici prestanomi accondiscendenti. Tra quest’ultimi spicca anche un ex concorrente della decima edizione del ‘Grande Fratello’. Si tratta del 39enne Daniele Santoianni. Le accuse a carico dei soggetti coinvolti sono diverse e riguardano il riciclo di denaro sporco, spaccio di sostanze stupefacenti, controllo di gioco d’azzardo, vendita non conforme alle regole di beni di lusso (nello specifico orologi). Tra i fermati figurerebbe anche un commercialista di Milano, complice della potente famiglia dei Fontana, capace di radicarsi al Nord.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Rapina villa Riano | finti poliziotti sequestrano donna e 3 bimbi

Mafia sequestro, vastissima operazione delle Fiamme Gialle

I sequestri sono avvenuti in Sicilia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Marche e Campania. Coinvolti 500 finanzieri con anche alcune unità cinofile per scovare armi, denaro e droga, ed un mezzo aereo. Per quanto riguarda l’ex gieffino Santoianni, quest’ultimo è ora sottoposto agli arresti domiciliari con l’accusa di avere fatto da prestanome di una società di commercializzazione del caffè tra Palermo e Milano. Ci sono tracce evidenti di infiltrazioni mafiose anche in alcuni lavori ai Cantieri navali di Palermo oltre che nel gestire scommesse online e sale slot ed il mercato ortofrutticoli. Poi ci sono affari legati allo spaccio di droga e di estorsione ai danni di molti commercianti. Le forze dell’ordine hanno sequestrato anche 15 milioni di euro.

LEGGI ANCHE –> Carabinieri entrano in Chiesa, il sacerdote non interrompe la messa: “Abuso di potere” – VIDEO

Tutto era capeggiato da tre fratelli già noti alle autorità

A capo di tutto c’era il boss Gaetano Fontana, uscito di galera per decorrenza dei termini nel 2013, poi arrestato di nuovo e scarcerato ancora nel 2017. In manette anche i fratelli Giovanni ed Angelo, con alle spalle diversi precedenti penali. È venuto fuori anche un radicato controllo di svariate attività commerciali, tra supermercati, macellerie, mercati e molto altro, oltre a metodi di violenza anche estrema per sottoporre alla propria volontà chi si opponeva. Inoltre l’organizzazione mafiosa in questione era riuscita anche a sfruttare la crisi legata alla epidemia in corso per avere facilmente la meglio sulle loro vittime ed imporre i propri prodotti.