App Coronavirus | per Arcuri “strumento importante | contagio rallenta ma occhio”

Il commissario Domenico Arcuri sull’app Cornavirus. “Si tratta di un aiuto molto importante per tenere sotto controllo il contagio, i numeri migliorano”.

app coronavirus arcuri
Arcuri sulla importanza della app Coronavirus Foto dal web

In conferenza stampa martedì 21 aprile 2020, il commissario per l’emergenza sanitaria, Domenico Arcuri, ha parlato in particolar modo della app Coronavirus per tracciare le persone “allo scopo di tenere sotto controllo il rischio di eventuali contagi”.

LEGGI ANCHE –> Brusaferro (ISS) | “Niente vacanze in estate per il bene di tutti”

Per Arcuri è una maniera per restare il più possibile aggiornati e per poter prendere adeguate contromisure. Funzionerà tramite mappatura tempestiva dei contatti avuti. E non sarà obbligatoria, anche se sembra che chi non la utilizzerà potrebbe andare incontro a delle ulteriori limitazioni negli spostamenti. “L’alternativa alla app Coronavirus sarà continuare a restare chiusi in casa ed a non alleggerire le misure di distanziamento sociale, come accaduto negli ultimi due mesi ormai”. E sulla tanto paventata Fase 2, Arcuri aggiunge che “non c’è fretta. La fretta è cattiva consigliera, dobbiamo continuare a mantenere un atteggiamento prudente e di responsabilità”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

App Coronavirus, strumento molto importante. Arcuri: “Il virus c’è ancora”

Infatti il virus è ancora presente, anche se “abbiamo imparato a contenerlo ed a fronteggiarlo, anche a costo di cambiamenti importanti dei nostri stili di vita”. Ma c’è ancora e va ora arginato il più possibile. Sui ricoveri in ospedale, i numeri sono in miglioramento, anche se 2573 persone restano ricoverate in terapia intensiva, con la necessità di un numero anche superiore di ventilatori per la respirazione (Arcuri afferma 2659) che ancora servono. “Gli sforzi fatti però hanno portato ad un ribasso rispetto alle scorse settimane”. Tutto ciò grazie all’enorme lavoro svolto dal personale medico ed infermieristico, dalla Protezione Civile e da tanti altri. “Le cifre ora ci dicono che il contagio sta rallentando”.

LEGGI ANCHE –> Controlli Coronavirus | corre dal papà che sta morendo | multato