Alla scoperta virtuale delle bellezze dei FAI con #ItaliaMiManchi

Alla scoperta virtuale delle bellezze dei FAI – Fondo Ambiente Italiano con l’iniziativa #ItaliaMiManchi.

scoperta virtuale bellezze fai
Villa Fogazzaro Roi (FAI – Fondo Ambiente Italiano)

Tra le tante iniziative che sono state cancellate, purtroppo, a causa dell’emergenza Coronavirus ci sono anche le Giornate di Primavera del FAI – Fondo Ambiente Italiano. Si tratta di un appuntamento che si tiene ogni anno in un weekend di fine marzo, con visite guidate ai tesori del patrimonio architettonico, artistico e paesaggistico italiano e che attrae moltissimi visitatori. Una due giorni alla scoperta di luoghi spesso poco conosciuti e normalmente chiusi al pubblico che vengono aperti per l’occasione. A fare da guide ai visitatori sono i volontari del FAI o gruppi di studenti delle scuole medie e superiori.

Un momento che segna l’avvio della primavera all’insegna della bellezza e della cultura e anche l’inizio delle prime uscite all’aperto durante il weekend. Quest’anno però non ci sarà niente di tutto questo. In un primo momento le giornate di primavera del FAI erano state spostate a maggio, ma l’aggravarsi dell’epidemia ha costretto alla loro definitiva cancellazione per quest’anno. Gli eventi con assembramenti di persone, e gli appuntamenti del FAI ne raccolgono moltissime, sono assolutamente sconsigliati oltre che vietati. È troppo pericoloso radunare tante persone insieme e sarà ancora a lungo così.

Leggi anche –> Viaggi virtuali: alla scoperta del patrimonio storico artistico italiano

Dovremo aspettare ancora per questo tipo di eventi, ma nulla ci vieta di ammirare i tesori del FAI sul sito web ufficiale dell’ente, grazie al ricchissimo archivio di schede e gallerie fotografiche dei beni tutelati dal FAI, tra palazzi storici, ville, chiese, abbazie, parchi e giardini.

Oltre al vastissimo catalogo online, per questo periodo di isolamento da quarantena il FAI ha lanciato l’iniziativa #ItaliaMiManchi con la quale propone visite virtuali ai propri beni e tante altre, storie inedite, ricette e viaggi letterari. Ecco cosa bisogna sapere.

Abbazia di Santa Maria a Cerrate (Marzoide88, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

La scoperta virtuale delle bellezze dei FAI – #ItaliaMiManchi

L’appuntamento con le Giornate FAI di Primavera è stato rimandato, ma la promessa è quella di tornare a vivere la più grande festa di piazza dedicata ai Beni Culturali. Quando l’emergenza sanitaria sarà terminata. Nel frattempo, però, nulla impedisce di andare alla scoperta seppure soltanto virtuale delle bellezze custodite dal Fondo Ambiente Italiano. Insieme ai tanti contenuti multimediali che sono a disposizione sul sito web e sui canali social del FAI, l’ente ha promosso una nuova iniziativa per questi giorni “Italia Mi Manchi“, #ItaliaMiManchi.

Si tratta di tour virtuali per visitare i beni del FAI e conoscerne la storia e i segreti, insieme a tanti racconti interessanti e suggestivi, ricordi ed esperienze dalle voci dei responsabili del FAI e di personaggi illustri. Vengono proposte anche ricette d’autore e viaggi letterari con celebri racconti letti da celebri lettori, come l’attrice Lella Costa che legge un brano di “Cristo si è fermato a Eboli“, di Carlo Levi. Un patrimonio tutto da scoprire.

Leggi anche –> Gran Virtual Tour dei musei e monumenti italiani, iniziativa del Mibact

Villa Della Porta Bozzolo, Casalzuigno (Alessandro Vecchi, CC BY-SA 4.0, Wikimedia Commons)

“Questi sono giorni che rimarranno impressi nella memoria dei nostri cuori – si legge sul sito del FAI -. Il primo pensiero è rivolto a tutti coloro che in questo momento soffrono e a quanti sono in prima linea a lottare per la vita di tutti noi; un atto di coraggio, responsabilità, ma soprattutto di amore nei confronti degli altri.

L’impegno del FAI prosegue dalle nostre case, a testimonianza del fatto che, non senza sforzi, è possibile stare insieme anche se distanti. Quotidianamente sulle nostre pagine social potrete visitare virtualmente dal divano i nostri Beni, passeggiare per i giardini, conoscere le storie inedite di oggetti di grande valore storico e artistico, scoprire spazi nascosti e godere dell’infinita bellezza del nostro Paese.

È un piccolo gesto per sentirci più vicini, nell’attesa che ritorni, per quanto possibile, la normalità e con essa una rinnovata voglia di stupirci di fronte a ciò che ci circonda”.

Leggi anche –> La mostra di Raffaello alle Scuderie del Quirinale è sul web

Bosco di San Francesco

Le esperienze con il FAI

“Là fuori c’è l’Italia che aspetta e saprà ricambiare il tuo amore con tutta la sua bellezza. Anche da casa segui le storie del FAI”. Con queste parole viene lanciata l’iniziativa #ItaliaMiManchi.

La visita virtuale alle bellezze e ai beni del FAI di “Italia Mi Manchi” è suddivisa in diverse sezioni a seconda del tipo di esperienza proposta.

  • Piccoli oggetti, grandi storie: l’occasione di indugiare su un particolare, di soffermarsi a guardare con la lente di ingrandimento dettagli e oggetti curiosi custoditi nei Beni e nelle collezioni del FAI per scoprire le tante storie appassionanti che racchiudono.
  • La prima volta a…: Marco Magnifico, Vicepresidente del FAI, racconta la sua prima visita in un Bene del FAI. Un viaggio nel tempo fatto di ricordi, emozioni, incontri suggestivi e indimenticabili in compagnia di un narratore d’eccezione.
  • Ricette d’autore: Una riscoperta della tradizione e della cultura del cibo. Ricette e menù storici legati a volumi, personaggi, grandi autori e territori dei nostri Beni.
  • Viaggio letterario nei Beni del FAI: Visita i Beni del FAI accompagnato da celebri racconti letterari e da celebri lettori.
  • Racconti in giardino: I giardini del FAI e i tesori che nascondono raccontati direttamente dalla voce dei giardinieri o dei Property Manager: suggerimenti per la cura e tanti approfondimenti legati alla storia delle piante e dei giardini veri e propri scrigni di biodiversità.
  • Un giro a…: Un vero tour virtuale “in 5 minuti” alla scoperta dei nostri Beni, un’occasione unica per conoscere i tesori del FAI, lasciarsi stupire e programmare la prossima visita.
  • Visto da vicino: Brevi approfondimenti e punti di vista inediti per conoscere da vicino i tanti racconti custoditi nei Beni FA.

Tra le attività proposte, le visite al Bosco di San Francesco ad Assisi, alla stupenda Villa Fogazzaro Roi, a Oria sul Lago di Lugano, e a Palazzo Moroni, a Bergamo come omaggio alla città duramente colpita dal Coronavirus. Tra le storie dei piccoli oggetti, viene raccontata quella del ritrovamento di un prezioso stampo eucaristico all’Abbazia di Santa Maria di Cerrate a Lecce. Tra i racconti in giardino da non perdere segnaliamo quelli del Giardino della Kolymbethra nella Valle dei Templi di Agrigento, con gli aneddoti raccontati da Giuseppe Lopilato.

L’iniziativa #ItaliaMiManchi: fondoambiente.it/insieme-sentiamo-la-italia-piu-vicina

Leggi anche –> La cultura non si ferma: le iniziative digitali di musei, biblioteche e centri culturali

Abbazia di San Fruttuoso, Camogli (Aloa – Flickr, CC BY 2.0, Wikimedia Commons)