Malattie animali uomo | la colpa è soprattutto nostra | tanti i motivi

Se la catena malattie animali uomo ha conosciuto un forte incremento è in principal modo per responsabilità da attribuire proprio a noi. La spiegazione.

Malattie animali uomo
Situazione malattie animali uomo Foto dal web

Estinzioni e pandemie viaggiano di pari passo, così come le malattie animali uomo trasmissibili dagli uni agli altri. Lo afferma un articolo pubblicato sulla rivista specializzata di settore ‘Proceedings of the Royal Society B.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus controlli | gruppi Telegram per evitare i posti di blocco

Al suo interno ci sono osservazioni in merito ai cambiamenti apportati dall’uomo all’habitat mondiale. Il fatto che molte specie animali e vegetali spariscano è da attribuire soprattutto a fenomeni quali la deforestazione, l’urbanizzazione selvaggia, la caccia (spesso di frode) ed il commercio illegale di animali. Tutti fattori che mettono sotto stress le altre specie con le quali condividiamo il pianeta. Ma tutto ciò sembra anche aumentare le possibilità di trasmissione di agenti patogeni dagli animali all’uomo, visto che tali fattori favoriscono anche la vicinanza fisica tra gli stessi animali e le persone.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Milano | stessi morti della Seconda Guerra Mondiale in 2 mesi

Malattie animali uomo, centinaia i virus che portano a zoonosi

Le osservazioni di cui sopra fanno parte di una analisi condotta nell’ambito del progetto ‘PREDICT’ da parte della Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (United States Agency for International Development – USAID) come risultato di uno studio per cercare di individuare eventuali minacce a livello pandemico per l’uomo. Su 142 virus di origine animale che hanno colpito l’uomo, la maggior parte risponde proprio ai fattori sopra elencati. Se le pandemie nascono, la colpa quindi è principalmente dell’uomo che porta all’originarsi di tutta una serie di condizioni che favoriscono il proliferare di agenti patogeni. Difatti gli animali dai quali proviene un potenziale pericolo sono essenzialmente quelli da allevamento o domestici, molto più rispetto a quelli selvatici in libertà.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus truffe | raccolta rifiuti a pagamento da finti operatori Ama

Sotto accusa il contatto ravvicinato che si viene a creare

Proprio perché quest’ultimi invece non entrano mai in contatto con le persone. E poi, molti animali che si sono abituati alla presenza dell’uomo condividono con quest’ultimo molti tipi di infezioni. E quindi rappresentano una pericolosa fonte di zoonosi. Ovvero di quelle malattie che possono infettare anche l’uomo. Si tratta specialmente di primati, roditori o pipistrelli ma non solo. Nel caso del Coronavirus, si ritiene che responsabili siano i pangolini. Una specie di mammiferi a rischio estinzione la cui carne è molto apprezzata nella cucina cinese. Questi sono entrati in contatto con dei pipistrelli portatori di Covid, poi a loro volta il contatto con gli uomini nelle aree di commercializzazione come i mercati di animali vivi (i cosiddetti wet market, molto diffusi in Cina ed in altre aree dell’Asia) ha fatto il resto.

LEGGI ANCHE –> Moglie uccisa | il marito mente | “È stato il Coronavirus”