Home Curiosità Coronavirus, l’unica isola che non ha chiuso i confini e che accoglie...

Coronavirus, l’unica isola che non ha chiuso i confini e che accoglie le crociere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:39
CONDIVIDI

Il porto di Barbados, piccola isola delle Antille nei Caraibi resta aperto. Le navi da crociera possono attraccare e passeggeri e equipaggio da qui possono tornare a casa.

spiaggia beach scanner
Barbados (iStock)

In questo particolare periodo storico i viaggi si sono fermati. Praticamente tutto il mondo ha chiuso le frontiere e si è bloccato in questo lockdown considerato necessario per cercare di arginare e poi eliminare per sempre la pandemia di Coronavirus. Non si vola, non ci si sposta più, bisogna rimanere a casa. Facile per noi che ci siamo, ma c’è anche chi, quando è scattato il lockdown si trovava in viaggio, oppure in crociera, magari dall’altra parte del mondo. Diventa difficile così riuscire a tornare a casa e, proprio per aiutare i crocieristi e gli equipaggi a ritornare nei propri paesi di origini, Barbados ha deciso di tenere aperti i confini.

Perché Barbados ha tenuto il porto aperto?

Nei Caraibi, Barbados, è l’unica isola che a oggi è ancora aperta e permette alle navi da crociera di attraccare per organizzare il ritorno a casa e nei propri paesi di origine sia per i vacanzieri che per gli equipaggi. La situazione di contagio del Coroanvirus, del resto, ha avuto una evoluzione tanto rapida quanto inaspettata per molti. Così chi era in viaggio si è ritrovato lontano da casa e, in alcuni casi, anche impossibilitato a tornare nelle proprie abitazioni. Così Anita Nightingale, direttrice Europa dell’Ufficio del Turismo delle Barbados ha spiegato che 10 navi da crociera hanno attraccato nelle scorse settimane.

Come hanno fatto i passeggeri a tornare a casa

Così i passeggeri e l’equipaggio hanno avuto la possibilità di tornare a casa. Tutto questo è stato reso possibile grazie alla collaborazione di alcune compagnie aeree che, nonostante il lokcdown, si sono rese disponibili, come Neos e Condor, ma anche British Airways e Virgin Atlantic. 20 mila persone sono quindi tornate a casa e gli sbarchi proseguiranno e sono attesi altri due voli che da Barbados arriveranno negli Stati Uniti. La Nightingale ha spiegato infatti che a oggi hanno 4 navi in porto e non sanno come si evolverà la situazione. Da quando l’emergenza è iniziata a Barbados hanno attraccato diverse navi da crociera come Aida, Royal Caribbean e anche Msc Preziosa.

Getty Images

Quello di Barbados quindi è un gesto coraggioso di chi, in qualche modo e a seconda delle proprie possibilità sta cercando di fare la sua parte in questa situazione di emergenza senza precedenti.