Home News Massimo Andreoni, chi è il noto virologo: carriera e curiosità

Massimo Andreoni, chi è il noto virologo: carriera e curiosità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:59
CONDIVIDI

Carriera e curiosità sul noto virologo italiano Massimo Andreoni, virologo del Policlinico Tor Vergata e direttore scientifico della Simit.

(screenshot video)

Massimo Andreoni, virologo del Policlinico Tor Vergata e direttore scientifico della società italiana di malattie infettive, è uno dei massimi esperti in Italia in questo settore.

Leggi anche –> Maria Capobianchi, chi è il direttore del laboratorio di Virologia dell’Istituto Spallanzani

Il suo nome diventa noto a livello mediatico a partire da febbraio 2020, quando in Italia esplodono i casi di Coronavirus e l’infettivologo partecipa a molte trasmissioni televisive.

Leggi anche –> Massimo Galli, chi è il noto infettivologo: carriera e curiosità

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Massimo Andreoni, virologo del Policlinico Tor Vergata

In queste settimane, Andreoni è più volte intervenuto nel dibattito pubblico, ad esempio per spiegare la possibile diffusione del Covid-19 attraverso rapporti sessuali. Ha infatti spiegato: “Non abbiamo nessun dato ad oggi che ci dica che il coronavirus sia presente nelle secrezioni vaginali o nel liquido spermatico. Però sappiamo con certezza che è presente nelle secrezioni delle vie aeree superiori, cioè nel muco nasale e nella saliva e che nel corso di un rapporto sessuale evitare il contatto con le secrezioni delle vie aree superiori, a partire dal semplice bacio, è davvero difficile”.

Sempre Massimo Andreoni aveva minimizzato rispetto alla possibilità di contagio attraverso l’uso di apparecchi elettronici, dal tablet allo smartphone. Al Sole 24 Ore aveva parlato di alcuni dei rischi di contagio da Coronavirus legati all’attività fisica. In particolare aveva sostenuto: “La piscina è un sistema di diluizione estrema del virus. È possibile che goccioline della saliva di una persona infetta finiscano in acqua, ma è talmente considerevole il volume del liquido che il rischio praticamente non c’è, anzi lo considererei nullo”.