Home News Covid 19 Lombardia | dal Sacco | “L’età media dei pazienti si...

Covid 19 Lombardia | dal Sacco | “L’età media dei pazienti si è abbassata”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:32
CONDIVIDI

I ricoverati all’ospedale ‘Sacco’ di Milano come in altre strutture tende a calare. “Ci sono anche dei 30enni” dice un infermiere nel pieno della crisi Covid 19 Lombardia.

covid 19 lombardia
Il Sacco sta tenendo fronte alla emergenza Covid 19 Lombardia Foto dal web

I sintomi da Coronavirus sono ben noti, con febbre alta e tosse persistente che diventano croniche e permangono per giorni. Di questo parla un infermiere dell’ospedale ‘Sacco’ di Milano al Corriere della Sera. Il professionista rimane anonimo e parla di situazione al collasso.

LEGGI ANCHE –> Mistero pensioni | “Soldi fino a maggio” poi la marcia indietro

“Le sale operatorie sono ferme, il ‘Sacco’ è diventato a tutti gli effetti una struttura deputata alla sola cura del Covid-19. Anche qui i posti in terapia intensiva sono aumentati. Fino a qualche settimana fa arrivavano pazienti con dei sintomi lievi o anche medi. Tutti comunque senza impegno respiratorio. Ora sono calati, ma l’età media si è abbassata. Dagli ultra 70enni si è passati ad accogliere soprattutto gente di 55-60 anni. E non mancano anche i 30enni. A tutti loro serve urgentemente ossigeno, hanno febbre sempre oltre i 38° e lastre pessime. In pronto soccorso vedi ovunque persone con cannule, mascherine, caschi”.

LEGGI ANCHE –> Il video del Coronavirus creato in laboratorio nel 2015, cosa c’è di vero

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Covid 19 Lombardia, “L’età media dei ricoverati si è abbassata”

L’intervista al CorSera prosegue. “Tutto il sistema sanitario sta dicendo ai malati di restare a casa isolati il più possibile. A volte va bene, ma le persone non si rendono conto di quanto avanza la malattia. Entrano in pronto soccorso con l’ossigeno nel sangue a 90, basso da far spavento. Quaranta atti respiratori al minuto, oltre il doppio del normale: hanno fatto quattro passi e ansimano come se avessero corso. Compensano fino alla fine con i polmoni quasi compromessi. Su 20/25 pazienti che entrano in un turno di 7 ore, almeno 3 o 4, ancor prima di fare il tampone, hanno già bisogno del casco, massimo livello di ossigeno prima dell’intubazione”.

LEGGI ANCHE –> Covid 19 Italia | “Alla Fiera di Rimini a gennaio contatto Wuhan Codogno”

“Il ‘Sacco’ è attrezzato, altri ospedali lombardi no”

L’infermiere informa che “in pronto soccorso riusciamo ancora a reggere. Ci sono due aree di emergenza e facciamo il possibile per assistere tutti, anche sdoppiando i macchinari dell’ossigeno per farlo funzionare con due pazienti allo stesso tempo. Ma la quantità di ossigeno resta quello. Stiamo tenendo botta. Il ‘Sacco’ è attrezzato per il bioterrorismo, ci sono anche docce alla candeggina anti-antrace. La formazione obbligatoria ricevuta è un nostro punto di forza, sappiamo trattare anche l’Ebola. Io ed i miei colleghi conosciamo come comportarci, come vestirci, che protezioni prendere. Il Covid lo affrontiamo seguendo i protocolli Ebola, che è un virus con una mortalità devastante. Ma per formazione, organizzazione, scorte di protezioni, non tutti gli ospedali lombardi ce la fanno. E per questo sono diventati dei centri di contagio. Ho visto bambini con il Coronavirus. Lo passano come un raffreddore. Almeno loro saranno risparmiati da questa tragedia”.

LEGGI ANCHE –> Covid 19 Italia | trentuno vittime tra i medici | muore dottoressa