Home News Covid 19 Italia | “Alla Fiera di Rimini a gennaio contatto Wuhan...

Covid 19 Italia | “Alla Fiera di Rimini a gennaio contatto Wuhan Codogno”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:01
CONDIVIDI

La situazione Covid 19 Italia si aggiorna con un evento risalente allo scorso gennaio e che desta qualche sospetto. Ne parla Selvaggia Lucarelli.

Covid 19 Italia
Coincidenza che fa pensare in materia di Covid 19 Italia avvenuta a gennaio Foto dal web

Sembra potere esserci una possibile correlazione tra la situazione Covid 19 Italia ed un evento fieristico svoltosi a Rimini nelle prime settimane del 2020. Dal 18 al 22 gennaio aveva avuto luogo nella città romagnola la Fiera del Gelato Sigep, come riporta Selvaggia Lucarelli a tpi.

LEGGI ANCHE –> “Filippo morto di Coronavirus ma Elisabetta non può dirlo” | è giallo

“È l’unica fiera del settore in cui si presenta in massa l’intera filiera artigianale, per presentare le novità ed aggiornarsi sugli ultimi ritrovati. Sono 200mila le presenze in media, con 33mila buyer esteri e 1250 espositori provenienti da 30 paesi”, stando ai numeri dell’ultima edizione. Ma cosa c’entra la situazione Covid 19 Italia? La Lucarelli puntualizza una cosa. “Sorge una relazione possibile tra Wuhan e Codogno, focolai del Coronavirus rispettivamente in Cina ed in Italia. Un collegamento che è difficile da trovare prima del 18-22 gennaio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Covid 19 Italia | trentuno vittime tra i medici | muore dottoressa

Covid 19 Italia, la Fiera del Gelato di Rimini un contatto Wuhan Codogno che fa pensare

Il padiglione B3 ospitava 60 stand all’incirca. Dando uno sguardo alla mamma emergono tre di essi in particolare. Quello della Wuhan Huiyou Wood Products Co., Ltd, azienda cinese che produce oggetti biodegradabili come cucchiaini e vassoi. Poi quello de “Il punto italiana di Nanni Franco” di Crema. Ed ancora lo stand della Pomati Group srl. che ha sede a Codogno e produce macchine per il cioccolato”. Ora la cosa non dimostra assolutamente nulla, ma si tratta di una coincidenza alquanto singolare. Specialmente se si pensa che all’indomani della Fiera di Rimini, il 23 gennaio, a Wuhan è scattato il lockdown totale con la chiusura della intera città come sta accadendo ora in tutta Italia.

LEGGI ANCHE –> Il video del Coronavirus creato in laboratorio nel 2015, cosa c’è di vero

“Ma noi che eravamo lì non ci siamo ammalati”

“E lì c’erano molti altri padiglioni di Lombardia, Emilia-Romagna, Venero e Piemonte”. Selvaggia Lucarelli ha raccolto anche qualche testimonianza di qualche lavoratore che era presente all’evento. “Però noi che eravamo lì non ci siamo ammalati”, spiega una di loro. “Comunque la ressa era enorme, si respirava solo al bagno od al bar e non eravamo neppure l’unica azienda di zona presenti a quella fiera”. Infatti da Codogno erano giunti, oltre alla Sigep, anche la Telme di Codogno e la Frigomat di Lodi, anche se in padiglioni distanti.

LEGGI ANCHE –> Conte in Parlamento: “Combattiamo contro un nemico invisibile”