Home Eventi Coronavirus: salta il Festival di Cannes a maggio

Coronavirus: salta il Festival di Cannes a maggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
CONDIVIDI

Coronavirus: salta il Festival di Cannes a maggio. Gli organizzatori rinviano la manifestazione ma non è ancora stata fissata una nuova data.

coronavirus festival cannes
Festival di Cannes, red carpet (iStock)

La pandemia di Coronavirus si abbatte sullla 73^ edizione del Festival del Cinema di Cannes, in programma dal 12 al 23 maggio 2020, costringendo gli organizzatori al rinvio. Maggio è una data troppo ravvicinata per la soluzione di una crisi sanitaria globale che è appena esplosa a livello mondiale e richiederà ancora molto tempo prima di essere risolta o almeno prima che finisca la fase critica.

Nel frattempo, gli organizzatori dello storico festival del cinema sono stati costretti a cancellare le date di maggio. Forse il festival sarà rimandato a giugno, ma non è stata ancora stabilito un calendario ufficiale.

Leggi anche –> Emergenza Coronavirus: l’Europa chiude i suoi confini e sospende Schengen

Coronavirus: salta il Festival di Cannes

Anche lo storico Festival di Cannes è costretto ad arrendersi di fronte all’avanzata inarrestabile del Coronavirus. L’epidemia, ufficialmente dichiarata una pandemia dell’OMS, si sta diffondendo a macchia d’olio in tutta Europa, dopo aver travolto l’Italia, e ne avrà ancora per molto.

Per il 12 maggio, la data di apertura del Festival del Cinema di Cannes sarà praticamente impossibile o quanto meno gravemente azzardato consentire lo svolgimento della manifestazione che raduna attori, registi, cineasti, critici cinematografici, giornalisti e spettatori da tutto il mondo. Un festival di grande prestigio e risonanza internazionale che apre ufficialmente la stagione dei grandi festival, ma che quest’anno è costretto a fermarsi per colpa di Covid-19, la malattia causata dal Coronavirus (il cui nome ufficiale è Sars-Cov-2).

Non ci sono le condizioni per garantire lo svolgimento del festival in sicurezza e anche se l’epidemia fosse terminata in Francia e in gran parte d’Europa, circostanza altamente  improbabile, potrebbero essere impossibilitati a viaggiare i partecipanti provenienti da altri Paesi. Il virus di sta estendendo anche in America e in Africa.

Insomma, per il periodo dal 12 al 23 maggio 2020 l’emergenza Coronavirus non sarà finita.

Leggi anche –> Coronavirus, Francia chiude tutto: stop a negozi e bar

In una nota gli organizzatori hanno dichiarato: ” In questo momento di crisi sanitaria globale i nostri pensieri vanno alle vittime del Covid-19 ed esprimiamo la nostra solidarietà a tutti quelli che stanno combattendo la malattia”. Oggi, 19 marzo, “abbiamo preso la seguente decisione: il Festival di Cannes non potrà svolgersi nelle date programmate dal 12 al 23 maggio. Molte ipotesi sono allo studio, per mantenere il suo svolgimento, la principale sarebbe un semplice rinvio, a Cannes, tra fine giugno e inizio luglio 2020“.

“Non appena la situazione sanitaria francese e internazionale ci permetterà di stabilire una reale possibilità, faremo sapere la nostra decisione, in accordo con la nostra consultazione in corso con il governo francese e il Comune di Cannes, così come con i membri del comitato del Festival, i professionisti dell’industria cinematografica e i partner dell’evento.

Nel frattempo, il Festival di Cannes presta la sua voce a sostegno di tutti coloro che chiedono fermamente a ognuno di rispettare il lockdown generale e chiedono di mostrare solidarietà in questo difficile momento per il mondo intero”.

Per ulteriori informazioni, il sito web ufficiale: www.festival-cannes.com

Festival di Cannes 2020: Spike Lee presidente della giuria

Lo scorso gennaio era stato annunciato come presidente di giuria del 73° Festival di Cannes il regista americano Spike Lee, il primo afroamericano della storia del festival. “Quando ho ricevuto la telefonata in cui mi è stata offerta l’opportunità di essere presidente della giuria di Cannes per il 2020 sono rimasto scioccato, felice, sorpreso e orgoglioso allo stesso tempo”, aveva commentato il regista al momento della nomina.

“Questo Festival (oltre a essere il più importante festival cinematografico del mondo – senza mancare di rispetto a nessuno) ha avuto un grande impatto sulla mia carriera cinematografica”, aveva detto Spike Le. “Si potrebbe facilmente dire che Cannes ha cambiato il mio percorso nel cinema mondiale” “In conclusione, sono onorato di essere la prima persona della diaspora africana a ricoprire questo ruolo“, aveva aggiunto il regista.

Cannes: dove trovare i Vip in vacanza