Home News Coronavirus Italia | Briatore | “Manovra inutile | ho licenziato mille persone”

Coronavirus Italia | Briatore | “Manovra inutile | ho licenziato mille persone”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:20
CONDIVIDI

Flavio Briatore è fortemente critico riguardo a quanto sta facendo il Governo Conte per contrastare l’emergenza Coronavirus Italia.

Coronavirus Italia Briatore

C’è chi non è d’accordo con le misure intraprese dal Governo Conte per contrastare l’epidemia di Coronavirus in Italia. È Flavio Briatore, che alla trasmissione di Rete 4 ‘Stasera Itaia’ esprime forte critiche in merito alla manovra annunciata nei giorni scorsi.

LEGGI ANCHE –> Nuove regole per jogging, alimentari e trasporti: pronte ulteriori restrizioni

“Conte deve tirare fuori gli attributi, quando vedo quelli che gestiscono il Paese mi tocco. Se io devo chiudere non perché ho lavorato male ma perché me lo dice lo Stato, allora sarebbe compito del governo prendersi carico degli operai che non possono più lavorare. Fatti carico dei dipendenti, dei contributi e di tutto. Altro che il rinvio dell’Iva di 4 giorni. Questo decreto cosiddetto ‘Cura Italia’ è una vergogna. In questo modo tutte le aziende verranno fatte a pezzi. Per me è un provvedimento paranoico e populista. Io in questi giorni ho licenziato mille persone perché il governo non sa quello che sta facendo”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Cina, nessun nuovo caso di Coronavirus: prima volta dall’inizio del contagio

Coronavirus Italia Briatore, l’imprenditore: “Questa è una guerra da vincere a casa”

Briatore continua. “Noi la guerra non l’abbiamo vista, abbiamo visto dei filmati. Eppure io ho dei dubbi e mi interrogo. Allora meglio essere a casa annoiati che essere intubati”. Lo stesso Flavio Briatore poi invita tutti quanti a restare chiusi nelle proprie abitazioni. “Questa qui è proprio una guerra, una situazione paragonabile a quella che si vivrebbe in una zona dove c’è un conflitto bellico. Io però sono certo che se tutti restassero sul serio a casa per 15 giorni le cose migliorerebbero. Questo virus si espande non per aria ma per contatto, perciò c’è bisogno di evitare i contatti ravvicinati”.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, quarantena: stop alle attività all’aperto