Coronavirus: 3mila morti in Italia, cala il numero dei nuovi contagi

0
1

3mila morti in Italia a causa del Coronavirus, cala il numero dei nuovi contagi: “Bisogna adottare comportamenti corretti, non molliamo”.

(ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Una notizia che accende una speranza e una certamente tutt’altro che positiva emergono dal quotidiano report sui contagi nel nostro Paese. Il numero di nuovi contagi è di 2.648, in calo di oltre 300 persone rispetto ai quasi 3mila di ieri. Al dato vanno aggiunte le oltre mille persone guarite. Di contro, c’è stato un boom di decessi: 475 in un solo giorno e ora le vittime in Italia sono quasi tremila.

Leggi anche –> Coronavirus, il virologo: “C’è qualche piccolo segnale positivo” – VIDEO

In tutto ci sono poi 2.257 persone che sono ancora in terapia intensiva. Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha fatto il punto della situazione, evidenziando: “Bisogna adottare comportamenti corretti, i dati ci fanno pensare positivo”.

Leggi anche –> Coronavirus, nuovo appello di Fontana: “Fatelo per voi e per gli altri”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I dati del Coronavirus in Italia: 3mila morti, ma calano i nuovi contagi

(MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Leggera frenata in Lombardia, come evidenziato nell’incontro con la stampa da Giulio Gallera, assessore regionale al welfare: “Il bilancio dei contagi e delle vittime del coronavirus cresce ma in maniera inferiore rispetto a ieri”. Al momento, in Regione ci sono 17.713 contagiati complessivi, dei quali 924 sono ancora in terapia intensiva (ieri erano 879). I decessi sono 1959, ovvero 319 in più rispetto a ieri. La Regione vive dunque ancora una situazione drammatica.

Bisognerà attendere i prossimi giorni per avere dati più consolidati. Sta di fatto che se il dato sui contagi non presenterà flessioni da qui alla fine di questa settimana, è molto probabile che il governo Conte dovrà mettere in campo misure di contenimento più consistenti, come peraltro evidenziato oggi dal ministro Spadafora.