Brescia, morto Stefano: a 38 anni è la più giovane vittima del Coronavirus

0
5

A Manerbio, provincia di Brescia, si piange la scomparsa di Stefano Amighetti, il ragazzo che con i suoi 38 anni è la più giovane vittima del Coronavirus.

Giovedì mattina Stefano Amighetti, 38 anni, è deceduto a causa del Coronavirus. Si tratta della più giovane vittima che l’epidemia ha fatto in Italia. Il dramma di questo ragazzo è cominciato quando nella cooperativa per disabili ‘Il Gabbiano di Pontevico‘ che frequentava è stato trovato il primo caso di Covid-19 del bresciano. Il ragazzo colpito per primo dal virus oggi sta bene, mentre per lui le condizioni di salute si sono deteriorate con il passare dei giorni.

Leggi anche ->Coronavirus, parchi chiusi a Roma e Milano

Stefano in passato aveva sofferto di problemi respiratori e da qualche giorno era stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva nell’ospedale di Manerbio. Nelle ultime ore di ricovero le sue condizioni di salute sono peggiorate drasticamente, i medici hanno fatto il possibile per salvarlo ma alla fine ne hanno dovuto dichiarare il decesso.

Leggi anche ->Coronavirus, Brusaferro: “Ci attendiamo casi frutto di comportamenti errati”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus: i familiari piangono la scomparsa di Stefano

Mamma Giovanna, papà Bruno, la sorella Sara con il compagno Pasquale e tutti gli altri parenti e amici piangono la scomparsa di Stefano. Nel necrologio pubblicato nelle scorse ore si legge una frase toccante, sintomo del dolore provato in questo momento: “Io sento in me la tua pace, la gioia che tu solo dai. Attorno a me io sento il cielo, un mondo di felicità”.

Un dolore che è reso, se possibile, ancora più intenso dal fatto che per il momento non potrà essere celebrato nessun funerale. In seguito alle disposizioni sul contenimento del Coronavirus, infatti, la salma verrà portata direttamente al cimitero dove le esequie verranno celebrate in modo strettamente privato. Per quanto riguarda il funerale, invece, appena possibile verrà celebrata una messa a suffragio.