Premier League sospesa? Calciatore del Chelsea positivo al Coronavirus

0
3

I vertici della Premier League questa mattina decideranno se sospendere il campionato dopo la notizia del primo calciatore positivo al Coronavirus.

(Getty Images)

Dopo il caso Rugani alla Juventus e quello Gabbiadini alla Sampdoria, in Italia vi è stata la certezza che la decisione di sospendere il campionato di calcio è stata corretta. Nella giornata di ieri è stata sospesa anche la Liga. A spingere verso questa decisione è stato sia l’aumento del contagio in Spagna che la notizia che il Real Madrid si è auto messo in quarantena. Tra i blancos non c’è alcun caso di Covid-19, ma positivo al test è risultato uno dei giocatori del Real di basket, squadra che si allena nello stesso centro sportivo di quella di calcio.

Leggi anche ->Il Coronavirus ferma il calcio | la UEFA stoppa Champions ed Europa League

Sempre ieri è giunto il comunicato della Uefa con il quale si è deciso lo stop anche delle competizioni europee. La linea generale sembra indicare che prima o poi tutte le federazioni calcistiche europee si adegueranno a queste misure. Fa eccezione la Premier League, dove l’orientamento sembra quello di continuare la competizione. Orientamento che potrebbe presto cambiare, viste le evoluzioni delle ultime ore.

Leggi anche ->NBA, giocatore positivo al Coronavirus: sospeso il campionato

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Premier League, primo calciatore positivo al Coronavirus

Ieri sera è giunta la notizia che l’Arsenal è in quarantena poiché l’allenatore Mikel Arteta è risultato positivo al Covid-19. Ciò nonostante dalla federazione calcistica l’imput è stato quello di non fermare il campionato. Per il momento, quindi, si continuerebbe a giocare a porte aperte. Ma anche le logiche monetarie dovranno piegarsi a quelle della razionalità visto che c’è il sospetto di positività per un terzino del Manchester City e per uno del Everton. La squadra di Ancelotti ha già deciso di auto imporre la quarantena, mentre quella di Guardiola attende il risultato del test.

Intanto alle squadre che si auto escludono dalla competizione c’è anche il Chelsea, visto che l’attaccante esterno Hudson-Odoi è risultato positivo la Coronavirus. Il club londinese ha annullato la conferenza stampa prevista per oggi e annunciato la quarantena dei suoi calciatori e del suo staff. Nelle prossime ore i vertici della Premier League s’incontreranno per discutere il da farsi ed è sempre più probabile che alla fine si opterà per la sospensione. Il calciatore, intanto, ha rassicurato tutti: “Ho avuto il virus per un paio di giorni, sono guarito ma mi auto-isolo per un paio di giorni seguendo le direttive sulla salute”.