Home News Coronavirus, la guida Iss: cosa fare in caso di sintomi

Coronavirus, la guida Iss: cosa fare in caso di sintomi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:45
CONDIVIDI

L’Istituto Superiore di Sanità diffonde un vademecum con consigli utili per risolvere i dubbi relativi al Covid-19. Dalla presenza di sintomi alla richiesta per un tampone. 

Alle istruzioni rilasciate nelle ultime settimane, si aggiunge un vademecum pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità, nominato “Cosa fare in caso di dubbi“, realizzato in collaborazione con lo European Centre for Disease Control e il Ministero della Salute. In otto punti il documento spiega come comportarsi in caso di sintomi da Covid-19, cosa fare in caso di possibile contagio, a chi rivolgersi e dove informarsi.

Leggi anche -> Altri 100 morti di Coronavirus: l’epidemia non si arresta

Con il continuo aumento di casi di contagio per Coronavirus, nei cittadini ci sono molti dubbi riguardo diversi aspetti dell’infezione da Covid-19, per questo l’Istituto Superiore di Sanità ha deciso di pubblicare un vademecum per aiutare la popolazione a comprendere meglio cosa fare in caso di contagio. Innanzi tutto bisogna fare attenzione a sintomi comuni della sindrome simil-influenzale, che vanno da febbre a tosse, mal di gola, respiro corto, dolore ai muscoli e stanchezza. Se questi sintomi si combinano alla possibilità di essere entrati a contatto con persone infette da Covid-19, aver frequentato un’area a rischio o aver lavorato in una struttura sanitaria con pazienti affetti da Coronavirus, l’Iss consiglia di rimanere a casa e chiamare il medico di famiglia, il pediatra o la guardia medica. Chi pensa di poter essere stato contagiato deve chiamare immediatamente il medico, dopo aver notato sintomi di una possibile infezione respiratoria.

Leggi anche -> Non solo calcio: il Coronavirus ferma lo sport fino al 3 aprile

Come proteggersi dall’infezione da Covid-19

Nel caso in cui non si riesca a contattare il medico di famiglia, l’Iss suggerisce di contattare i numeri di emergenza. Inoltre non bisogna recarsi al pronto soccorso per non contagiare altri individui. Per proteggere i famigliari, è importante mantenere una buona igiene personale, a partire dal lavaggio delle mani e la pulizia dell’ambiente. Se si sospetta un’infezione, è consigliato indossare una mascherina chirurgica, mantenere la distanza dai famigliari e disinfettare oggetti di uso comune. Inoltre, se è necessario fare il tampone per verificare il contagio da Covid-19, bisogna recarsi nei laboratori del Servizio Sanitario Nazionale, dopo aver ricevuto indicazioni specifiche dal medico.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!