Home News Altri 100 morti di Coronavirus: l’epidemia non si arresta

Altri 100 morti di Coronavirus: l’epidemia non si arresta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:48
CONDIVIDI

L’epidemia di Coronavirus non si arresta: altri 100 morti nelle ultime 24 ore, la situazione aggiornata, aumentano i contagi.

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

“Assunzione di responsabilità delle famiglie e dei singoli”, questo il primo elemento perché i provvedimenti del governo siano utili. Lo ha affermato in apertura di conferenza stampa presso la protezione civile il ministro per gli affari regionali, Francesco Boccia.

Leggi anche –> Sintomi Coronavirus: quali sono e cosa bisogna fare

Ci sono intanto complessivamente 724 guariti, 102 solo oggi. Ma si registrano anche 97 decessi, per un totale di 463. 1598 nuovi casi di contagio vengono rilevati.

Leggi anche –> Scuole chiuse per il Coronavirus: ipotesi ritorno dopo Pasqua

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I dati del contagio da Coronavirus: 100 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia

Il bilancio è tracciato dal capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, che ha spiegato come anche negli istituti penitenziari sono stati presi provvedimenti per tamponare l’epidemia di Coronavirus. Proprio nelle carceri si sono vissute ore di tensione. A preoccupare è la mortalità: si tratta del 5% dei casi sul totale. Il professore Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, ha commentato questo dato spiegando che “in Italia abbiamo anche un’età media molto più elevata che in Cina”.

In sostanza, “stratificando il dato”, la mortalità tra soggetti più anziani è più bassa in Italia che in Cina. Anche i soggetti in terapia intensiva hanno un’età media molto elevata, ha spiegato Rezza. Un altro elemento riguarda i tamponi, che vengono fatti solo a soggetti sintomatici. Questo vuol dire che il numero di contagi dovrebbe essere molto più elevata. Intanto, dalla Lombardia arriva una buona notizia e a darla è l’assessore al Welfare Gallera: il paziente 1 di Codogno, il primo contagiato ufficiale, a una ventina di giorni dal ricovero, respira autonomamente.

coronavirus Italia morti