Coronavirus, isolato il ceppo italiano all’Ospedale Sacco

I ricercatori dell’Ospedale Sacco di Milano hanno isolato il ceppo italiano del Coronavirus. Ecco gli ultimi “numeri” della pandemia che tiene il mondo col fiato sospeso.

I ricercatori dell’Ospedale Sacco di Milano hanno finalmente isolato il ceppo italiano del coronavirus: ad annunciarlo è il professor Massimo Galli, direttore dell’Istituto di Scienze biomediche, illustrando i risultati del lavoro di ricerca che procede senza sosta da domenica. La squadra, coordinata dalla professoressa Claudia Balotta, è composta dalle ricercatrici Alessia Loi, Annalisa Bergna e Arianna Gabrieli, unitamente al collega polacco Maciej Tarkowski e al professor Gianguglielmo Zehender.

“Abbiamo isolato il virus di 4 pazienti di Codogno”, spiega il professor Galli sottolineando che “siamo riusciti a isolare virus autoctoni, molto simili tra loro ma con le differenze legate allo sviluppo in ogni singolo paziente”. L’importante scoperta consentirà ai ricercatori di “seguire le sequenze molecolari e tracciare ogni singolo virus per capire cos’è successo, come ha fatto a circolare e in quanto tempo”. Lo step successivo prevede lo sviluppo di anticorpi e, quindi, di vaccini e di cure da parte dei laboratori farmaceutici.

Leggi anche –> Coronavirus, “2 nuove vittime”: oltre 500 i contagi in Italia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il bilancio aggiornato dell’emergenza Coronavirus

Sale intanto il bilancio dell’emergenza Coronavirus. “Tre nuovi decessi vengono comunicati dalla Lombardia: si tratta di persone ultraottantenni, due di 88 e una di 82. Tutte con quadro clinico delicato e importante”, ha riferito il Commissario straordinario all’Emergenza Coronavirus Angelo Borrelli durante il punto stampa nella sede della Protezione Civile. “I contagiati sono a quota 650”, ha precisato, mentre il totale delle persone guarite dalla sindrome del coronavirus è di 45. I morti sono purtroppo 17.

“Dalla regione Lombardia ci giunge notizia della guarigione di altre tre persone. Il totale dei guariti è salito a 40 in Lombardia. E coi 2 in Sicilia e i 3 del Lazio il totale sale a 45”, ha spiegato il Commissario. “Sono in arrivo oltre 35 mila mascherine per Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto, stiamo procedendo con acquisti importanti, abbiamo individuato i fornitori e stiamo gestendo l’operazione dal punto di vista amministrativo”, ha poi chiarito Borrelli.

Leggi anche –> Coronavirus: primo caso di recidiva, guida dimessa si è ammalata di nuovo

Leggi anche –> Coronavirus Lombardia | Fontana sulla riapertura delle scuole 

EDS

 

Gestione cookie