Insegnante muore a 26 anni per un malore, l’ambulanza non è mai arrivata

Un insegnante di 26 anni ha accusato un malore mentre si trovava in casa ed è morta. Poco prima aveva chiamato un’ambulanza che non è mai arrivata.

Una storia, quella di Amber Hickford, che ha dell’incredibile. Questa giovane insegnante di Rochdale, Grater Manchester, è morta a 26 anni dopo aver accusato un malore in casa. La ragazza era stata in ospedale qualche giorno prima a causa di un bruciore all’apparato genitale. Il medico che l’ha visitata le ha diagnosticato un’infezione delle vie urinarie e le ha prescritto degli antidolorifici. Insomma non si trattava di nulla di grave e nel giro di qualche settimana tutto sarebbe dovuto tornare alla normalità.

Leggi anche ->Malore al pigiama party, 18enne muore dopo una notte con le amiche

Una sera Amber aveva più dolore del solito e per lenirlo ha preso una dose superiore di paracetamolo. Dopo un po’ ha avvertito un forte dolore allo stomaco ed il fidanzato ha chiamato l’ambulanza. Dopo aver spiegato la situazione al medico del centralino, gli è stato detto che non si trattava di nulla di grave, dunque non era necessaria un’ambulanza. In ogni caso, per sicurezza, gli è stato consigliato di andare in ospedale.

Leggi anche ->Malore improvviso | Thomas trovato morto a letto dalla nonna a 29 anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Insegnante muore a 26 anni, la famiglia fa causa 

Il giovane ha riferito quanto dettogli al telefono e chiesto ad Amber se volesse andare al Pronto Soccorso. La giovane insegnante ha risposto che se non si trattava di nulla di grave la visita poteva essere rimandata alla mattina seguente. Il fidanzato è sceso quindi a spostare l’auto e quando è salito in casa l’ha sentita russare. Tranquillizzato dal fatto che la fidanzata avesse trovato riposo, il giovane si è rilassato. Due ore dopo, però, si è accorto che Amber non respirava più ed ha chiamato nuovamente il pronto soccorso.

Quando i paramedici sono giunti, per la ragazza non c’era più nulla da fare. Dall’autopsia è emerso che il suo decesso è stato causato da un’overdose di paracetamolo. La famiglia Hickford, però ritiene che non si sia trattato semplicemente di un tragico incidente, ma di un caso di negligenza da parte dei soccorsi. Motivo per cui i familiari hanno sporto denuncia in cerca di giustizia.