Prete pedofilo mette incinta una bimba, le dichiarazioni choc: “L’amore non ha età”

Un prete 50enne ha abusato per anni di una bambina e l’ha messa incinta: “L’amore non ha età” è stata la sua giustificazione. 

Ha cominciato ad abusare di una bambina quando aveva 10 anni e continuato ad avere rapporti con lei per 5 lunghi, terribili anni, arrivando addirittura a metterla incinta. Questo l’orribile reato di cui si è reso protagonista Nelson William Montes Lizarazo, ex sacerdote colombiano di 50 anni. Il quale si è poi giustificato parlando di amore che “non ha età”.

Leggi anche –> Orrore in Francia, prete ucciso con un crocifisso: “Era un pedofilo”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La confessione choc dell’ex prete colombiano

A denunciare tutto è stata la stessa bambina, oggi una donna di 30 anni, che all’epoca dei fatti decise di tenere il bambino frutto dello stupro e metterlo al mondo, come poi ha fatto. Come accennato, il prete ha tentato di difendersi, sostenendo di essere stato innamorato della bimba e che l’amore non può avere un’età.

La ragazza ha raccontato che il parroco aveva molto carisma e amava trascorrere del tempo con i bambini. In certi casi, però mostrava delle “attenzioni” particolari. Iniziò a toccarla quando aveva appena 10 anni, poi per tre anni non lo vide più fino a quando, ormai 13enne, lo rincontrò e cadde nella sua trappola. La giovane è stata ripetutamente stuprata dal sacerdote e, sebbene volsse chiedere aiuto, questi l’ha convinta che non stavano facendo nulla di male. Gli abusi sono andati avanti per anni fino alla scoperta della gravidanza, quando la famiglia di lei è statra messa al corrente di tutto.

Dopo tante sofferenze la vittima ha trovato il coraggio e la forza di denunciare il suo stupratore, ma per due volte i giudici hanno rigettato le accuse lasciandolo impunito. Solo nel 2018 l’arcidiocesi di Bogotà ha riaperto il caso e ordinato le dimissioni dallo stato clericale del prete pedofilo. Giustizia è stata fatta, ma dopo 20 tormentati anni di silenzi e dolore.

Leggi anche –> Prete pedofilo, il corpo ripescato nel Tevere: “Caso chiuso, fu suicidio”

EDS