Levante furiosa perde la testa, battute sessiste e discriminazione

Ospite della conferenza stampa di Sanremo, Levante lancia una veemente invettiva sulla disparità di genere che tutt’oggi si respira al Festival.

Questo 70° Festival di Sanremo è stato all’insegna della lotta alla violenza di genere. Gli ospiti, le vallette ed i cantanti hanno voluto dare il loro contributo a questa importante tematica, cercando di sensibilizzare il pubblico sui vari modi in cui una donna possa essere discriminata, insultata, derisa e resa inerme, uccisa psicologicamente prima che fisicamente. In una manifestazione che punta a contrastare disparità tra i sessi e la violenza di genere, pare strano che nasca una polemica sulla disparità di trattamento tra cantanti uomini e cantanti donne. A sollevare la questione sono stati i giornalisti durante la conferenza stampa di Levante.

Leggi anche ->Leo Gassmann vince la categoria Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2020

Il tutto parte da una considerazione sul minor numero di donne presenti alla competizione a cui la cantante risponde: “Quando Sanremo presenta poche donne al Festival, non è un errore di Sanremo, è la punta dell’iceberg. Un errore che parte dalla base… Nella musica siamo poco sopportate. Mi sono resa conto che a pari merito una canzone scritta da un uomo, una canzone d’amore scritta da un uomo, pesa di più di una canzone d’amore scritta da una donna. Ad un uomo non è mai stato detto: ‘Facile firmare un contratto discografico perché stai con quello. Non vengono fatte battute sciocche volgari come: ‘Di, ti fanno male le ginocchia? E la lingua?'”.

Leggi anche ->Sanremo 2020 | Classifica generale dopo tre serate: domina Gabbani

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Levante infuriata in conferenza stampa: “Non penso che gli uomini siano stupidi”

Insomma Levante vuole fare capire che il problema della disparità tra i sessi nella società non parte certo da Sanremo e che in campo musicale è una pratica talmente diffusa da essere considerata normale. Per lei allo stato attuale è utopico pensare di poter “Partire alla pari” e si dice: “Incavolata, sono incavolata, ma non mi avrete mai nella lotta nel fango”. La cantante conclude la sua invettiva dando una lezione a chi se la prende con gli uomini additandoli genericamente come stupidi: “Non ci sto a dire che gli uomini sono più stupidi. Dovrei pensare che è stupido il mio fidanzato ed è un uomo meraviglioso. Penso che siamo uguali, che servono uguali opportunità“. E conclude dicendo: “Le donne non sono più intelligenti, siamo diversi. Dirlo significa annullare anni di lotta. Farsi la lotta fa schifo”.

Levante