Razzismo | cede posto ad anziana | “Non lo voglio da una nera”

Un brutto episodio di razzismo avviene ancora in Italia. Bersaglio una ragazza di 32 anni, colpita da chi mai si sarebbe aspettata.

razzismo autobus
Brutto episodio di razzismo a bordo di un autobus FOTO viagginews

Un incredibile episodio di razzismo è avvenuto a Lecco. Malcapitata protagonista di questa spiacevole vicenda è Binta, una 32enne arrivata in Italia dal Senegal nel 2015. Come riportato da ‘Il Corriere della Sera’, la giovane stava viaggiando a bordo di un autobus quando ha visto una anziana in piedi.

LEGGI ANCHE –> Insulti razzisti alla partita dei bambini | “Siete m****”

Allora con gentilezza Binta le ha detto che poteva sedersi al suo posto, alzandosi per fare accomodare la nonnina. Ma quest’ultima ha risposta con sdegno di non avere affatto intenzione di accettare. “Sei nera, il tuo posto non lo voglio”. Ed è proprio la senegalese a confermare tutto quanto, raccontando quanto vissuto sulla propria pelle. “Avevo preso l’autobus a Lecco per fare ritorno a casa. C’erano molti studenti a bordo. Sono riuscita a sedermi e dopo poco ho notato che era salita una anziana a bordo del mezzo. Non c’erano altri sedili liberi, anche perché molti li avevano occupati con i loro zaini”.

LEGGI ANCHE –> Assessore della Lega, polemica razzista: “Era solo un gioco”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Razzismo, Binta spiega cosa è successo

Il racconto di Binta prosegue. “A me è parso naturale offrirmi a quella donna dicendole che avrebbe potuto sedersi al mio posto. Quando però mi ha dato quella risposta, non ho proprio saputo cosa fare e come reagire. Sono rimasta in silenzio, così come tutti gli altri che avevano sentito. Una volta giunta a casa ho pianto. Poi però ho pensato che non era niente di grave. Che va bene così”. Lei ha una famiglia, con un marito che la ama ed al quale ha dato tre bambini.

LEGGI ANCHE –> Razzismo, Juan Jesus insultato sui social: la Roma banna a vita tifoso – FOTO

“Gli anziani in particolare diffidano delle persone di colore”

Attualmente sta perfezionando il suo italiano con degli appositi corsi frequentati presso il Cpiua, il Centro Provinciale Istruzione adulti. Suo compagno di studi è il 23enne Marcellino, proveniente dalla Nuova Guinea. “Pure a me è accaduta la stessa cosa. Gli anziani specialmente sono diffidenti nei nostri confronti. Ma dalle nostre parti non è concepibile lasciare che un vecchio resti in piedi e tu te ne stia seduto”. Per fortuna Binta ha ricevuto tante manifestazioni di vicinanza e di solidarietà contro questo spiacevole episodio di razzismo.