Home News La Pupa e il Secchione, Vittorio Sgarbi censurato: cosa ha fatto

La Pupa e il Secchione, Vittorio Sgarbi censurato: cosa ha fatto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27
CONDIVIDI

Vittorio Sgarbi, come ormai da tradizione, era stato scelto come opinionista de ‘La Pupa e il Secchione’. Il critico aveva anche preso parte ad alcune registrazioni, ma i suoi interventi sono stati tagliati, scopriamo il perché.

Sgarbi rissa

Ieri sera è andata in onda la prima puntata del reality ‘La Pupa ed il Secchione‘, quest’anno condotto da Paolo Ruffini. All’appuntamento ci sarebbe dovuto essere anche Vittorio Sgarbi, storico commentatore della trasmissione, ed in effetti aveva anche partecipato alle registrazioni della puntata. Ciò nonostante, però, i suoi interventi sono stati tagliati nella messa in onda. Il motivo di questa censura non è legato a quello che ha detto, bensì agli impegni che Sgarbi si è assunto in questo periodo.

Leggi anche ->Vittorio Sgarbi | ennesima rissa tv | parolacce contro Mario Giordano | VIDEO

Come saprete, Sgarbi ha deciso da tempo di entrare in politica e in questi anni è stato sindaco di varie città, oltre che deputato ed europarlamentare. Quest’anno si è candidato per le elezioni regionali in Emilia Romagna. Dato che le elezioni si svolgeranno a breve, Mediaset ha deciso di escluderlo dal programma per questioni di par condicio. Dando spazio ad un candidato, infatti, per legge si dovrebbe dare spazio anche agli avversari politici, in modo tale da non offrire vantaggi ad uno solo.

Leggi anche ->Vittorio Sgarbi, chi è la sorella Elisabetta Sgarbi: età, foto, lavoro

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Vittorio Sgarbi non la prende bene:”Non dico per chi mi candido, prima che mi censurino le agenzie di stampa”

L’esclusione dal programma, per il quale aveva già effettuato alcune registrazioni non è andata a genio al critico d’arte. Sgarbi ha deciso di palesare il suo disappunto per la decisione dell’emittente attraverso un comunicato del suo ufficio stampa nel quale si legge: “Non dirò per quale partito mi candido, per non essere censurato anche dalle agenzie di stampa”. Nello stesso comunicato sottolinea come proprio uno dei suoi interventi abbia contribuito ad aumentare la fama della trasmissione: “La trasmissione diventata celebre grazie al litigio del critico d’arte con Alessandra Mussolini ha dunque bloccato Sgarbi che aveva già fatto, peraltro, delle registrazioni”.

La pupa e il secchione 2020