Portogruaro, tir demolisce palazzi e semina il panico nel centro storico

Un camionista polacco ha seminato panico e distruzione nella notte guidato il suo tir nella zona pedonale del centro storico di Portogruaro.

La notte tra il 4 ed il 5 gennaio, un camionista polacco completamente ubriaco ha seminato il panico nel centro storico di Portogruaro (Venezia). L’uomo, probabilmente in stato confusionale a causa dell’alcol, è uscito dalla bretella autostradale e si è ritrovato a Portogruaro. Una volta all’interno della cittadina si è diretto verso il centro storico, incurante dei cartelli di divieto d’accesso per i mezzi. Le stradine del centro abitato, infatti, sono troppo strette per permettere la circolazione dei mezzi e da anni l’ingresso è vietato a tutti i veicoli.

Leggi anche ->Scontro frontale con un tir: gravi due fratellini di 5 e 7 anni

Nella parte iniziale della corsa nella zona vietata al traffico, in via Garibaldi e via Seminario, l’autista del tir è riuscito a passare senza causare danni. Sebbene sfiorasse le auto parcheggiate, non le ha colpite per questione di millimetri. I problemi sono giunti quando ha svoltato sulla sinistra per via Mazzini, zona in cui oltre al divieto c’era l’impossibilità fisica di fare passare il mezzo pesante.

Leggi anche ->Incidente Venezia | schiacciato dal camion muore a 21 anni | FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tir semina panico e distruzione a Portogruaro, fermato l’autista

Entrato nella via, il tir ha cominciato a sbattere sui palazzi storici. Prima ha distrutto l’insegna di una tabaccheria, quindi i canali di gronda che portano ai pozzetti ed infine i terrazzi degli edifici storici, le fioriere, le tende dei negozi che si trovano sulla “Stretta“(nome dato alla via dai locali). Il frastuono causato dagli urti del camion ha fatto svegliare e messo paura ai residenti. I quali hanno prima cercato di far desistere l’autista e poi chiamato i Carabinieri.

La corsa del tir si è continuata nonostante l’autista si fosse accorto di aver perso entrambi gli specchietti ed uno di essi si era frantumato sul parabrezza incrinandolo. Alla fine, però, l’uomo è stato costretto a fermarsi quando si è trovato di fronte ad un arco alto solo 2 metri dal quale il suo mezzo non poteva passare. In quel punto l’uomo è stato fermato dai gendarmi che lo hanno condotto in caserma. Qui è stato effettuato un test alcolemico dal quale è risultato che l’autista era ubriaco. L’uomo è stato accusato di guida in stato d’ebbrezza e multato per i danni causati al centro storico di Portogruaro.