Incidenti Capodanno | un morto ad Ascoli per spegnere un incendio

Un giovane perde la vita nel tentativo di domare un rogo scaturito dai botti di fine anno. Ma ci sono altri incidenti a Capodanno di una certa gravità.

incidenti capodanno
Incidenti capodanno almeno tre episodi gravi nelle prime ore del 2020 FOTO viagginews

Incidenti Capodanno, anche quest’anno non manca un tragico episodio. Ad Ascoli Piceno un giovane di 26 anni è morto, ma non direttamente per gli esplosivi che vengono innescati allo scoccare del primo giorno dell’anno.

LEGGI ANCHE –> Capodanno 2020 | Tutti i concerti nelle città più importanti d’Italia

Il ragazzo è morto dopo essere caduto da una considerevole altezza in seguito al lancio di alcuni fuochi che avevano provocato un principio di incendio. Colpa anche di alcune sterpaglie presenti sul posto. Il 26enne si è subito dato da fare per cercare di spegnere il fuoco, ma la concitazione del momento lo ha portato a perdere l’equilibrio ed a precipitare per circa 50 metri all’interno di una zona impervia. Era in compagnia di altre persone, che subito hanno allertato i vigili del fuoco ed il personale del 118.

LEGGI ANCHE –> Capodanno 2020: il primo e l’ultimo del mondo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Incidenti Capodanno, quattro feriti a Bari per un crollo

Il recupero della vittima ha richiesto diverso tempo e purtroppo non è stato possibile fare nulla da parte dei paramedici per rianimarlo. Non si è potuto fare niente per impedirne un irreversibile arresto cardiaco. A Bari invece, nel novero degli incidenti di Capodanno, c’è stato il crollo di una controsoffittatura. Questo ha portato al ferimento di quattro persone – delle quali una in modo grave – tra i circa cento ospiti presenti ad una cena all’interno di un hotel della città. Verso l’una, al termine dell’esibizione di un cantante ed appena prima che iniziasse un ballo di gruppo, è avvenuto il crollo. Istantaneo l’intervento dei vigili del fuoco e del 118, oltre che della polizia.

LEGGI ANCHE –> Roberta Beta truffata per il Capodanno a Cortina: chi è l’ex gieffina

Un esagitato fermato a Venezia

Infine a Venezia soltanto preoccupazione ed alcuni istanti di allarme a causa del comportamento deprecabile operato da parte di un turista. Nonostante il divieto assoluto di portare e di innescare materiale pirotecnico, questo individuo ha fatto deflagrare dei botti in mezzo alla folla, causando non poca apprensione in parte dei circa 29mila presenti in piazza San Marco. Era in corso uno spettacolo pirotecnico, quello si autorizzato, quando è sopraggiunto anche questo evento imprevisto. Subito individuato, l’uomo in questione verrà presto allontanate da Venezia.