Home News Sport Juventus, caso Cristiano Ronaldo: niente Atalanta, cosa è successo

Juventus, caso Cristiano Ronaldo: niente Atalanta, cosa è successo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:42
CONDIVIDI

Juventus, esplode il caso Cristiano Ronaldo: niente Atalanta, non è stato neanche convocato, ma l’ipotesi addio anticipato è remota.

Cristiano Ronaldo
(Getty Images)

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha preso la coraggiosa decisione di non convocare Cristiano Ronaldo, nonostante la superstar portoghese abbia segnato quattro gol durante la pausa internazionale. Il campionato di calcio riprende dunque come si era concluso con le polemiche sull’apporto di CR7 alla Juventus in questa stagione.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cristiano Ronaldo e Juventus: cosa sta accadendo

Cristiano Ronaldo Capello
Getty Images

L’attaccante è stato infatti sostituito per due partite consecutive. In entrambe le occasioni, l’attaccante sembrava furioso, soprattutto dopo l’ultima sostituzione contro il Milan, quando secondo quanto riferito ha lasciato in anticipo lo stadio. Ma Sarri non sembra essere intimidito dalle azioni di Ronaldo e ha preso la coraggiosa decisione di lasciarlo fuori dalla sua squadra per l’incontro di questo fine settimana contro l’Atalanta. Si tratta peraltro di un match importante.

“Non è necessario chiarire nulla con Ronaldo. Alcuni giocatori devono essere lasciati riposare”, ha spiegato Maurizio Sarri. A quanto afferma l’allenatore, si tratta di lasciare a riposo Cristiano Ronaldo, che avrebbe un risentimento al ginocchio. Lo staff dell’attaccante non conferma però questa eventualità. L’allenatore della Juventus ha insistito: “Il problema è che martedì ci ha detto che non si sentiva ancora bene. Il nostro obiettivo è riaverlo in Champions League. Sono sicuro al 99 percento che non ce la farà domani”. Ma intanto diversi addetti ai lavori sottolineano come si abbia l’impressione che CR7, nonostante abbia ancora un anno e mezzo di contratto, sembra lontano dai progetti di Sarri. Che possa andare via in anticipo rispetto alla scadenza del contratto appare però un’ipotesi remota, visto lo stipendio faraonico dell’attaccante portoghese.

Cristiano Ronaldo