Funerali Luca Sacchi, la chiesa gremita: l’ultimo saluto al ragazzo ucciso

Si stanno svolgendo oggi i funerali di Luca Sacchi, il giovane morto a Roma davanti a un pub, la chiesa gremita: l’ultimo saluto al ragazzo ucciso.

Omicidio Luca Sacchi
(Facebook)

La chiesa del quartiere Appio Latino gremita e tanta gente fuori sul sagrato per l’ultimo saluto a Luca Sacchi, ucciso giovedì sera di 2 settimane fa a Roma. Per l’omicidio sono stati arrestati Valerio Del Grosso e Paolo Pirino. L’inchiesta sull’omicidio va avanti e diversi sono gli aspetti da chiarire. Ma oggi i suoi cari hanno potuto finalmente dirgli addio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La cronaca dei funerali di Luca Sacchi

Nonostante la famiglia abbia chiesto riservatezza e i funerali si siano svolti in forma privata, dunque, erano centinaia le persone presenti per salutare il ragazzo. Si tratta di familiari, amici, conoscenti, semplici curiosi spinti anche dal grande rilievo mediatico che ha avuto la vicenda. Nella chiesa del Santissimo nome in Maria hanno risuonato le parole del parroco: “Non ci sono parole per colmare il vuoto di una persona cara che ci lascia soprattutto per i genitori. Solo il silenzio. La morte di Luca ci ha colpito, in un certo senso ci ha fatto morire. Nel mondo in cui viviamo a volte ci sentiamo scoraggiati. Facciamo che la morte di Luca sia per tutti noi motivo di vita”.

Sull’altare ha preso la parola anche un cugino e amico del ragazzo ucciso barbaramente davanti a un pub. “È inaccettabile che la tragedia accada sempre alle persone buone. Luca era un ragazzo buono, l’orgoglio dei genitori e nostro. Spero sempre che questo sia un brutto sogno, ma non è così”, ha affermato. Poi ha proseguito: “Ora il compito difficile è il nostro: restare e mettere in pratica i tuoi insegnamenti, stare vicino a tuo papà, a tua mamma e a tuo fratello Federico”. Grande l’abbraccio degli amici: Luca Sacchi era un grande amante delle 2 ruote e in tanti sono arrivati in chiesa sfrecciando prima davanti in moto. Un ultimo omaggio a un ragazzo che – al di là di quello che è accaduto e che spetta alla magistratura accertare – è morto in maniera atroce.

Impostazioni privacy